menu di navigazione del network

Governments Sympthomatic App COVID19 AutoQuarantena-Selfquarantine

Ho mandato questa proposta a tutti (politici/ministri e redazioni) DAL 24 FEBBRAIO, leggo che si è formata una ONLUS per creare app come strumento governativo per aiutare cittadini e stato in questa fase delicata .
Ecco il mio contributo per Diego Piacentini (contattato su linkendn) , Bending Spoons, JAKALA e GeoUniq

La vera problematica emersa in queste settimane è la mancanza di una mappa sintomatica , come sottolinea il Dott. MASSIMO GALLI ed tutti gli altri virologi ,che garantirebbe la possibilità di anticipare il covid19 e di raccogliere dati utili per un più efficace uso delle risorse e al raccoglimento di una mole
di dati sintomatici utilissimo per lo studio del comportamento del virus circa terapie e vaccino.

Oggi finalmente qualcuno si è mosso nell’utilizzo della tecnologia creando app per identificare e tracciare i movimenti ed i contatti avuti , MA IL GOVERNO/ISS/OMS NON SI è ANCORA ACCORTO che va usato questo tempo di auto quarantena di tutti i cittadini NON SOLO PER IL CONTENIMENTO MA SOPRATUTTO PER MONITORARE I SINTOMI DI TUTTI I CITTADINI ACQUISENDO I LORO DATI INSERITI GIORNALMENTE IN UN APP GOVERNATIVA.
(vedi VANTAGGI / OBIETTIVI APP in basso)

Tale APP (facile implementazione) essendo OPEN SOURCE potrebbe essere anche LO STRUMENTO MADE IN ITALY per essere clonato in tutti gli altri paesi ,diventando parte di quel protocollo italiano di cui tanto si parla .

NON SFRUTTARE QUESTO TEMPO DI AUTOQUARANTENA nel reperire BIG DATA SINTOMATICI di tutti i cittadini sarebbe il più grande errore e non risolverà nulla nel breve periodo .

Senza dati (ogni cittadino non avrebbe problemi a inserire giornalmente temperatura e tutte le info di anamnesi… ) morirà ancora tanta gente.

Circa la privacy :

Le istituzioni governative o gli Istituti superiori di Sanità sarebbero le uniche predisposte a gestire / analizzare i dati) SINO A FINE PANDEMIA.

All’utente finale, l’applicazione fornirà solo dati aggregati / anonimi.

QUESTA MAIL tramite i pochi contatti a mia disposizione è stata inviata anche in Danimarca, Inghilterra, Australia, Stati Uniti .

App Governativa Autoquarantena OPEN SOURCE - NOPROFIT / Government Self Quarantine App

1 Mi Piace

In Corea esiste già.

l app 100 M coreana permette il geotracking mentre quello che ho proposto è la gestione SINTOMATICA di tutti i cittadini in autoquarantena come main target.
Ha letto il progetto su github ??

CORONA 100 M GEOTRACKING (app corea)

1 Mi Piace

Buongiorno, Sono d’accordo con quello che di Santoro, e estenderei l’app a tutti i cittadini che facciano richiesta e nel caso mio che sono da solo e ho superato la soglia dei 65 anni di monitorare e di aiuto. grazie franco

1 Mi Piace

Oggi su Repubblica.

1 Mi Piace


secondo me sarebbe stata l App istituzionale perfetta per gestire il covid19 con le varie logiche in campo e per sensibilizzare i cittadini a tutti i servizi offerti con la garanzia trasparente “governativa” della protezione e gestione dei propri dati , il tutto opensource .
:wink:
Invece … Immuni App !

Anch’io lo trovo un peccato, ma immagino ci siano ragioni solide alla base della decisione. La commissione che ha preso la decisione senz’altro conosceva l’esistenza di IO - ci mancherebbe altro. Finché si trattava di mostrare alla polizia un’autocertificazione effettivamente IO sarebbe potuta bastare. Ma questa Immuni app fa altre cose. Per esempio, forse aggiungere la geolocalizzazione a IO avrebbe richiesto drammatici e lenti passaggi dal Garante della Privacy, che invece sono più veloci per una app ad hoc.

no ti garantisco che non ci sono ragioni solide anzi…
sarebbe stato molto piu facile ed efficace far partecipare le migliori risorse IT del paese ad un modulo opensource integrabile in IO, utile all’emergenza covid (modello sintomatico e successivo geotracking)implementando le migliori tecnologie ( e non BLE, debole e piena di buchi di sicurezza) in totale trasparenza senza affidare il tutto ad UNA sola società privata ,che darà in LICENZA (diverso è il concetto di opensource) il proprio lavoro esclusivo .

Ho capito. Allora le ragioni saranno state una combinazione di divisioni interne al Governo e alle task force su 1. chi si deve prendere il merito di aver creato la/le app e chi deve coordinarla/e, 2. chi ottiene i soldi (e magari l’appalto a un’azienda) per creare la/le app, 3. cosa esattamente deve fare la app.

Sai una cosa? Sono contento che la funzione non sia stata integrata in Io. Così si è evitato il coinvolgimento del Dipartimento per la trasformazione digitale e di PagoPa nel terribile caos che stiamo vedendo. Avrebbe solo danneggiato i loro progetti.

1 Mi Piace

Tranquilli, tanto Immuni non la scaricherà quasi nessuno

È probabile che Immuni nemmeno parta. Così come per il governo francese ed altri soggetti d’avanspettacolo, iOS non permette l’uso di app con un Bluetooth bacato e perennemente in ricerca, a meno di mantenere l’app sempre attiva, dunque o i fenomeni si adeguano alle API sviluppate da Google ed  o delle fantasiose fanfaluche da provincia dell’impero resteranno solo i titoli sui media, altri fenomeni non da meno dei primi.

1 Mi Piace

Buongiorno a tutti, io continuo a pensare che lo strumento (insieme a tamponi e test sierologici sul campo ) che può aiutare concretamente CITTADINI, STATO e SCIENZA sia il
"MODELLO SINTOMATICO"
che ho proposto dal 24 febbraio con tanto di wireframe … vi prego di dare un’occhiata :

Credo che TUTTI i cittadini avrebbero condiviso giornalmente la “anamnesi” del proprio nucleo familiare , la stessa richiesta dal 112/1500, per poter cosi creare una mappa in tempo reale utile ai cittadini, circa la pericolosità dei propri spostamenti in aeree “sintomaticamente” più critiche, indispensabile per lo Stato per intervenire peculiarmente nelle situazioni più gravi e fornendo infine alla scienza una mole di dati (SYMPTOMATIC BIGDATA) gigantesca per monitorare la salute dei cittadini e studiare il comportamento e l’evolversi del covid .
Circa tutte le polemiche di privacy etc emerse con Immuni probabilmente tutti noi siamo piu disponibili a condividere tosse e febbre e qualunque altro sintomo per ricevere assistenza piuttosto di un geotracking debole e poco chiaro al cittadino normale (meno nerd :wink: ) .
Raccogliere giornalmente le info di anamnesi che forniresti al 112/1500 per il tuo nucleo familiare , con uno strumento facile per citadini e medico di base può cambiare lo scenario ed essere utile anche a fine epidemia.

ditemi cosa ne pensate :wink:

Concordo, Sono dello stesso parere e integrare già da subito con servizi istituzionali vedi
portale dell’automobilista, agenzia delle entrate agenzia delle riscossioni INPS Demanio

Io penso che una cosa simile sia molto invasiva della privacy, in un piccolo centro. Posso capire che a Milano o Roma indicare una zona come ‘con paziente sintomatico’ includa potenzialmente migliaia di persone , ma in un piccolo centro è come accendere un faro sulla propria villetta. Non so se una famiglia vorrebbe attirare l’attenzione in quel modo rischiando di passare per appestata (anche se poi nei piccoli centri le notizie girano veloci comunque, ma un conto dirlo al mio vicino di casa, altro farlo sapere al ficcanaso lontano o peggio al mio datore di lavoro che deve decidere se rinnovarmi un contratto a termine!!) Mi chiedo anche quanti falsi “positivi” (segnalazioni di persone semplicemente ipocondriache e terrorizzate per uno starnuto… se ne sono viste tante, o anche burloni) si avrebbero.
Se invece la mappa resta a solo servizio delle autorità sarebbe diverso.

Elena io penso che la salute del proprio nucleo familiare sia più importante di ciò che pensa la gente e SE dare le info delle mia tosse o febbre o altro (e non i miei movimenti che sono molto piu invasivi a livello di privacy)PUO’ farmi ACCEDERE ad una assistenza mirata ed efficace per la mia famiglia poco mi interessa del resto .
INoltre circa i falsi positivi o ipocondriaci di turno ti faccio notare che questo problema esiste GIA’ nelle telefonate al 112 1500 con la sola differenza che in quel caso rimangono informazioni presenti ma non raccolte e analizzate in tempo reale (l’ipocondriaco al contrario con il modello sintomatico potrebbe essere tranquillizzato se il suo nucleo familiare non presenta sintomi da giorni :wink: ).
PS probabilemente nel paesino si saprebbe in tempo zero ANCHE la tua chiamata al 112 :slight_smile:
pS 1 dare i miei sintomi giornalieri va piu nella direzione di telemedicina con tutta la protezione privacy del caso