menu di navigazione del network

pagoPA per i servizi di trasporto

Per le società che svolgono servizi di pubblico interesse per attività di mobilità pubblica e privata, il servizio di cooperazione con pagoPA è obbligatorio o è facoltativo.

il sottoscritto appartiene all’Agenzia Roma Servizi per la Mobilità, gestore per conto di Roma Capitale, dei servizi di rilascio autorizzazioni per i bus turistici che prevedono pagamenti mediante carta di credito o contanti presso sportello al pubblico.
L’incasso avviene attualmente su un conto intestato alla nostra Agenzia, quale soggetto giuridico privato di completa proprietà di Roma Capitale. I corrispettivi vengono successivamente riversati al Comune.

Ringrazio anticipatamente per l’aiuto

Io consiglio di avanzare una richiesta formale a AgID, ministero della pubblica amministrazione, MEF/ragioneria centrale dello Stato e PagoPA spa. I soggetti coinvolti purtroppo sono questi e sono gli unici che possono dare risposte autorevoli ai tanti dubi interpretativi.

Da quello che e’ emerso anche in varie discussioni qui, io direi che la risposta e’ che si’, siete obbligati a passare a PagoPA.

Ringrazio per il riscontro.
Quello che non riesco a comprendere è come agganciare i servizi di pagoPA per pagamenti in contanti o attraverso software di emissione di titoli di viaggio che non prevedono la profilazione da parte dell’acquirente

1 Mi Piace

Prego. E’ un ottimo caso di studio.
Titoli di viaggio si intendono per esempio i biglietti dell’autobus? Qui si aprirebbe un mondo inesplorato.

Puo’ venire in aiuto nell’elaborazione di un flusso di lavoro che le utlime specifiche PagoPA consentono di veicolare nel sistema messaggi con campo “codice fiscale” valorizzato ad “ANONIMO”.

I pagamenti in contanti sono esclusi, a meno che non si facciano direttamente in tesoreria oppure - apertura recente tutta da verificae - che il contante sia dato in mano ad un agente contabile (ignor se il concetto di agente contabile si applichi a una società partecipata).

Autorizzazione a un bus turistico: sembra gestita e generata da un software che fa pure i conteggi: si tratta quidin di collegare quel software a pagoPA e generare una pagamento dovuto in attesa. A quel punto il software si collega anche a un POS evoluto al quale trasmette i dati necessari ad avviare il pagamento sulla piattaforma PagoPA. Oppure, scenario meno elegante ma efficace, si stampa l’avviso analogico pagoPA e se ne inquadra il qr-code con un POS che avvia il pagamento sempre su piattaforma PagoPA ma come se la persona al bancone andasse dal tabaccaio o usasse l’app di homebanking che ha sel telefonino per avviare il pagamento.

1 Mi Piace

Credo sia questa la strada.

1 Mi Piace