menu di navigazione del network

2.6. Verifica dei domicili digitali

Continua a leggere le linee guida

nel caso in cui l’indirizzo elettronico risulti non funzionante o non più attivo, il Gestore INAD informa il soggetto interessato mediante comunicazione inviata all’indirizzo e-mail di contatto fornito in occasione della registrazione al sistema INAD e lo invita a ripristinare il corretto funzionamento dell’indirizzo elettronico o a modificarlo. Trascorsi, senza esito, 20 giorni dalla predetta comunicazione, il domicilio digitale è cessato d’ufficio dal Gestore INAD che ne dà notizia al soggetto interessato mediante comunicazione inviata all’indirizzo di contatto.

Potrebbe essere utile segnalare in qualche modo all’utente (umano o macchina) che interroga INAD che l’indirizzo estratto è “sotto osservazione” per fallita verifica?

Oppure ancora, forse piu’ corretto, potrebbe essere opportuno congelare immediatamente il domicilio digitale fino a una azione di riattivazione da parte del cittadino. Non sarebbe vessatorio nei confronti del cittadino, visto che l’iscrizione all’INAD è del tutto volontaria e richiede proattività. Allo stesso tempo limiterebbe gli invii a vuoto.

Certo, questo prevederebbe l’obbligo per chi invia verso il domicilio digitale di controllarlo immediatametne prima dell’invio (evitare quindi allineamenti asincroni dell’anagrafica dell’applicativo locale con INAD, soluzione probabilmente piu’ appetibile per chi opera sul mercato)

Si richiede di precisare con quali forme e strumenti è possibile effettuare una contestazione.
Nel caso in cui il domicilio digitale è cessato d’ufficio dal Gestore INAD, si suggerisce di chiarire se il soggetto interessato non può più riattivarlo e se può riottenerlo inserendo le stesse informazioni.

Ritengo sia fondamentale poter attestare, da parte di INAD, inizio e fine validità di ciascun domicilio digitale. Ciò è tanto più determinante se la regolarità della notifica a mezzo PEC venga contestata in sede giurisdizionale e l’Ente notificante si trovi a dover dimostrare che il domicilio digitale usato al momento della notifica sia quello corretto a tale data.