menu di navigazione del network

Calcolo Codice IUV


(Michele) #1

Buongiorno,
avrei bisogno di una informazione di carattere tecnico.
Come bisogna creare il codice IUV?
La creazione del codice cambia a seconda di dove venga attivato il pagamento?
Leggendo la documentazione (SPECIFICHE ATTUATIVE DEI CODICI IDENTIFICATIVI DI VERSAMENTO, RIVERSAMENTO E RENDICONTAZIONE) si distingue tra attivazione presso PSP o EC ma non capisco se l’algoritmo utilizzato per creare solo il codice IUV possa essere lo stesso o se varia a seconda di una delle due situazioni.

Avete esempi, risposte o riferimenti documentali?

Grazie


(Mauro Bracalari) #2

Rispondiamo sinteticamente e nel merito alla sua domanda: lo IUV generato applicando le restrizioni per il pagamento presso PSP è utilizzabile in entrambi gli scenari. Non è vero il viceversa.

Bisogna considerare infatti che il requisito restrittivo fondamentale per lo IUV è l’univocità. purchè la stringa rispetti il formato definito. A tale proposito le specifiche forniscono alcuni suggerimenti. Ulteriori restrizioni di lunghezza e formato sono poste in capo agli EC che producono avvisi di pagamento dotati di codice a barre per pagamenti attivati presso il PSP. Dal primo dicembre 2018 tuttavia non sarà più possibile emettere avvisi con codice a barre e di conseguenza anche le restrizioni cadranno non appena i PSP aderenti avranno recepito tale indicazione.


(Michele) #3

Grazie per la risposta.

Relativamente al calcolo del Codice Avviso (o Numero Avviso, come indicato alternativamente nei documenti AgID), in base alle combinazioni della tabella 2 di pag 14 del SACI risulta avere lunghezza di 18 caratteri (senza spazi), ma in base alla tabella di pag 2 dell’Allegato 2 del documento sull’Avviso Analogico versione 2.1 maggio 2018 risulta avere una lunghezza di 23 caratteri esclusi gli spazi raggruppati in gruppi da 4, fino ad arrivare a 27 nel caso di rate da 1 a 5. Come si spiegano questi numeri discordanti rispetto alla lunghezza (magari massima) del Codice Avviso?