CASH BACK e carta di credito

una volta inserita la carta di credito nell’app IO cosa si deve fare per pagare ?

Per il momento sembra che basta che usi la carta per avre cashback.
ma dovrebbero arrivare precisazioni a breve da mef.

Buongiorno, secondo me si sta facendo confusione: l’attuale inserimento delle carte nell’app “IO” è solo per pagare col sistema “pagoPa” (pagamenti pubblica amministrazione ovvero bollo auto, ticket…ecc) nulla ha a che vedere con “cashback” sistema inserito nell’app IO ma al momento non attivo, infatti in “portafoglio” tale sistema “cashback” risulta “IN ARRIVO”. In poche parole per avere il famoso 10% di cashback bisogna attendere il prossimo aggiornamento dell’app ed inserire IBAN e carte (solo il numero della carta di credito e non il CVV (codice segreto indicato nel retro della carta) quest’ultimo è un dato sensibile che serve solo per PAGARE e non per rendicontare gli acquisti utili ad ottenere il cashback del 10%.

2 Mi Piace

Buongiorno.
Si penso proprio di si, una gran confusione.
Infatti stamattina stavo tentando di aggiungere la carta di credito ed il bancomat tra l’altro senza nemmeno riuscire, per errori con diverse carte e con un bancomat… poichè era l’unica opzione disponibile e sull’app non è affatto chiaro che le carte o bancomat vadano inserite per il cashback in una sezione che ancora non esiste… nonostante si legga “in arrivo” sul cashback sembra si riferisca alla possibilità di usarlo e non alla necessità di completare i dati richiesti, in quanto l’IBAN lo fa inserire.

in che data e possibile inserire l iban , e se non si riesce in quella date e possibile farlo in seguito , ma iniziando ad tenere conto dei pagamenti dall 8 dicembre in poi, per spiegarmi meglio oh inserito le carte ma non l iban , se inizio a pagare dall 8 dicembre con le carte e inserico l iban il 13 dicembre i pagamenti fatti dal 8 al 13 sono calcolati per il rimborso

Ora si può aggiungere l’IBAN. Ma non mi fiderei della sezione carte con CVV!

Ciao Milius

E’ già possibile inserire l’indicazione dell’IBAN ma in teoria non dovresti aver nessun problema nell’accumulo del cashback anche se questa operazione non dovesse avvenire prima dell’8 Dicembre.
L’IBAN serve solo per l’accredito del bonus maturato, che avverrà nei mesi prossimi.

Consultando l’app dovresti poter tenere sotto controllo l’attribuzione del bonus man mano che effettui gli acquisti con le carte da te abilitate

La sezione dove aggiungere le carte dovrebbe essere diversa da quella in cui si aggiungono le carte per Pago PA in cui è necessario il ccv.
In questa pagina dovrebbe essere più chiaro se siete nella sezione corretta Cashback Italia… se riuscite ad accedervi…

Salve conux

la sezione in cui “aggiungere” le carte è la medesima in cui si inseriscono le carte per Pago PA.
La schermata da lei indicata (quella all’interno della sezione del Cashback) consente di abilitare le carte registrate.

In pratica:

  1. Inserisco le carte nella sezione portafoglio, come se dovessi utilizzarle per i pagamenti con PA

  2. Entro nell’area del Cashback e “sceglo” quale delle carte registrate abilitare

.
Aggiungo anche io: se riuscite ad accedervi…

Ah ok @Carlo_S.

Grazie per il chiarimento. Pensavo fosse una sezione diversa…

Stamattina ci avevo provato quando ancora era raggiungibile… e mi dava errore, sia con carta di carte di credito nomale che prepagate, oltre al bancomat.
Probabilmente sono ancora in fase di aggiornamento…

ma se si paga con pay pall si acumulano lo stesso il bonus

1 Mi Piace

Con questa implementazione e’ pero’ necessario inserire data scadenza e CVV anche delle carte che in realtà non si vorrebbe che fossero abilitate al pagamento elettronico (anche solo per motivi di sicurezza essendo magari non prepagate). Sarebbe piu’ utile poter inserire separatamente i numeri delle carte di pagamento … e solo per quelle abilitate OnLine inserire i codici per permettene i pagamenti su IO (anche nella stessa sezione se fosse piu’ comodo).

Aggiungo io, sarebbe molto meglio che MAI si dovessero inserire permanentemente i codici delle carte (data e CVV), ma questi venissero chiesti sempre e solo al momento della conferma di un pagamento e mai memorizzate. Spero ben che non si chieda il PIN per l’immisione dei bancomat, ma questo non l’ho provato e non ve lo so dire.

Molte banche permettono di farlo dalle proprie app. Iniziamo a smettere di usare io.

Per un conto cointestato, tutte le carte di credito e debito che si appoggiano a quel conto (intestate ai cointestatari e quindi due persone differenti) possono essere registrate sullo stesso codice fiscale per il rimborso cashback?
Grazie mille

1 Mi Piace

Salve, Max

Si, purtroppo l’implementazione scelta obbliga all’attivazione della carta per il funzionamento online e la registrazione nell’app come “carta di pagamento”

Non so dirle se questo dipenda da un’esigenza tecnica oppure se sia dovuto ai tempi stretti con cui è stata implementata che ha portato ad appoggiarsi ad una funzionalità già presente (Pagamento con PagoPA).

Nel secondo caso spero che, nei prossimi rilasci, si dia la possibilità di separare le gestioni.

Per quanto riguarda il salvataggio del cvv non ricordo se, quando si effettuano pagamenti dall’App IO, si richieda l’inserimento del codice o meno (in questo caso il codice deve essere salvato)

Purtroppo è una pratica comune, addottata anche da altri sistemi(Amazon ad esempio)


Aggiornamento:
Dopo un piccolo giro nella documentazione integro la risposta con le informazioni che ho preso da qui: https://io.italia.it/cashback/faq/

Perché per aderire al Cashback, che esclude i pagamenti per beni e servizi acquistati via e-commerce, devo abilitare la mia carta di credito/debito agli acquisti online?

È necessario perché permette di verificare se i dati della carta inseriti sono corretti: la verifica avviene tramite una transazione di qualche centesimo di Euro che verrà successivamente stornata.

Perché devo inserire il codice di sicurezza CVV della mia carta?

È necessario aggiungere il codice di sicurezza CVV, che può essere composto da tre o quattro cifre, per verificare se i dati della carta inseriti sono corretti. Questa verifica avviene tramite una transazione di qualche centesimo di euro successivamente stornata.

È sicuro inserire i dati della mia carta di credito/debito sull’app IO?

Sì, nell’infrastruttura di IO viene conservato esclusivamente un dato relativo alla tua carta di credito/debito: si tratta del PAN, cioè il numero composto da 16 cifre divise in gruppi da 4 stampato sul fronte della carta, ma in formato anonimizzato tramite una stringa alfanumerica (“hash PAN”) che impedisce di risalire al numero completo della carta.

Ciao Matteo,

Sembrerebbe di no, in quanto devi essere titolare della carta su cui attivi il Cashback.
Tuttavia potreste attivare il Cashback su entrambre le carte separatamente e indicare entrambi lo stesso IBAN per il rimborso

Non avendo esperienza con conti e carte cointestate ti lascio i riferimenti da cui ho dedotto la risposta in modo che tu possa verificare: https://io.italia.it/cashback/faq/

Posso partecipare al Cashback anche con una carta che non è mia?

Devi essere tu il titolare dei metodi di pagamento elettronico su cui attivi il Cashback. Inoltre, anche nel caso in cui lo stesso metodo di pagamento sia cointestato, solo uno dei titolari può concorrere al programma con quello strumento.

Due partecipanti al Cashback possono indicare per i rimborsi lo stesso codice IBAN, se sono co-intestatari?

Sì, dal momento che quel codice IBAN risulta associato ai Codici Fiscali di entrambi partecipanti, iscritti individualmente al programma.

Si’ … pero’ si e’ perso di vista il punto origine della questione …
stiamo parlando di Chash Back … non dei pagamenti che si possono fare con IO App …
e dunque non ha senso verificare la correttezza della carta con un addebito di prova che se non fosse valida non si potrebbe comunque usare per accumulare spese …
… diro’ di piu’, il sistema neanche vuole che la carta sia intestata al reale beneficiario dell’eventuale cash back ( e qui potremmo innescare un’altra bella discussione) e dunque proprio non ha senso dal punto di vista formale fare un addebito di prova … se poi volessimo proprio controllare l’intestatario il match basta farlo sul codice fiscale (ripeto che ad oggi non e’ obbligatorio e posso inserire le carte di tutti i miei parenti) …
… non sono cosi’ informato sul regolamento che disciplina il cash back … ma se il reale e principale obiettivo “era” quello di incentivare l’uso delle carte … non sarebbe stato molto piu’ semplice accreditare sullo stesso conto su cui la carta e’ addebitata ? … e senza neanche chiederne il numero (sì riconosco che questa forse e’ esagerata, ma del tutto fattibile) ?

il vero e proprio buco … è quello di aver voluto usare il portafoglio dei metodi di pagamento per uno scopo completamente diverso e che ha problematiche diversamente complesse … il cash back …

ad esempio per pagare il bollo dell’auto posso voler usare una carta che non e’ intestata a me ed è dunque corretto che io ne possa cambiare l’intestatario rispetto al codice fiscale del pagatore … mentre poterlo fare per il cash back cio’ mi lascia molto perplesso …

di sicuro le carte da usare OnLine sono anni che ci raccontano che NON devono essere quelle che si usano tutti i giorni, le quali, inoltre, potrebbero proprio essere disabilite all’origine all’uso in rete …

… ah bene … se devo essere il codice fiscale intestatario della carta, veramente perde di significato il check sull’addebito …
grazie @Carlo_S della tua preziosa disponibilità

gia’ … vero … Amazon … li’ pero’ ci metto una prepagata con giusto giusto i soldi della spesa …
non la mia carta di debito che mi prosciuga il conto …

Salve Max,

la mia risposta aveva come scopo il fornire informazioni in base a quanto avevo appreso dalla lettura della documentazione, non giustificare una scelta che, personalmente, ritengo rischiosa.

Suppongo che, per ridurre i tempi di implementazione e rientrare nelle scadenze, si sia voluto sfruttare un sistema già in opera che, pensato per altri scopi, richiede un certo tipo di informazioni.

Tuttavia tantissime persone si ritroveranno ad attivare la propria carta per i pagamenti online con il solo scopo di accedere al cashback (che oltrettutto pone come requisito che i pagamenti validi al fine del riconoscimento non siano online), esponendosi quindi ad un rischio senza averne nessuna percezione.

Nel mio caso sto “tentando” un eperiemento, ovvero revocare l’utilizzo online subito dopo aver effettuato la registrazione.

Vedremo se funziona…

@Carlo_S
ottima idea … anche io sto provando ad attivare/censire/disattivare … ma ad aggi ancora il sistema e’ praticamente inaccesibile alle nuove registrazioni.

mi sorge la domanda … ma perche’ il chash back non e’ stato affidato direttamente alle banche (o ai fornitori di servizio) … fanno questo mestiere da anni …