Chiarimenti cambio di residenza

Salve.

In data 18/09/2022 ho inserito la richiesta di cambio residenza su ANPR. Da allora, visualizzo lo stato “bloccato” come segue:

[Storico lavorazione]

  • 18/09/2022 - IN VERIFICA
  • 18/09/2022 - APERTA
  • 18/09/2022 - IN LAVORAZIONE

Per mia pignoleria, in data 21/09/2022 ho inviato la stessa documentazione tramite PEC al comune di destinazione. Che non ha assolutamente dato riscontro alla mia richiesta.
Ho letto che il cambio avviene per “silenzio / assenso” entro 45 giorni.
La mia domanda è: dal 2 Novembre, se non ricevo alcuna comunicazione, posso considerarmi residente nel nuovo comune ed avviare tutte le procedure del caso? O devo comunque attendere l’esito?

Grazie a chi mi illuminerà.

1 Mi Piace

Il cambio di residenza ha effetto dal momento della richiesta.
C’è un post già scritto al riguardo.

Formalmente forse si. Ma non nella pratica. Quando richiedo il certificato di residenza, mi esce ancora l’indirizzo originario.

1 Mi Piace

vale la ricevuta della richiesta di cambio.

dopo passa un vigile a controllare fisicamente .

Confermo…è successo lo stesso con me.

Ma le banche accettano la “ricevuta” della richiesta di cambio residenza come prova di residenza effettiva?
Ci sono banche, come Deutsche Bank, che non consentono l’invio di lettere (contenenti ad esempio le carte di debito) ad indirizzi diversi dalla residenza. Se l’indirizzo sul documento non coincide con la residenza reale, dicono di inviare un certificato di residenza rilasciato dal comune… che conterrebbe in questo caso ancora la vecchia residenza! Come si risolve?