menu di navigazione del network

Covid e app IO

Una domanda banale: in tutto questo proliferare di app per supportare la lotta al coronavirus, si è pensato di utilizzare IO ?

A mio avviso sarebbe quella ideale, perché già in avanzato stadio di sviluppo, è gestita direttamente da soggetti governativi ed è nata con i principi di privacy by design. Inoltre supporta servizi anche di soggetti nazionali, non solo locali.
Sarebbe anche l’occasione perfetta per consentire alla gente di conoscerla.

8 Mi Piace

ottima idea secondo me. Basta cominciare.

3 Mi Piace

Per quanto sia una buona idea sia per l’app (facendola conoscere al pubblico) sia per la popolazione (che utilizzerebbe anche gli altri servizi), l’app non è al momento ad un livello tale per diventare l’app generalista nel rapporto PA-cittadino, e non lo sarà a breve. Certo in un mondo perfetto sarebbe la soluzione perfetta, e potrebbe gestire il tracking (un’aberrazione da tecnocrazia a mio modo di vedere, ma so d’essere in controtendenza), ma siamo, al solito, alle nozze coi fichi secchi.

Anni fa realizzai un prototipo di applicazione che monitorava costantemente gli spostamenti di quartiere dei propri contatti Facebook con geolocalizzazione attivata su mobile.

Piuttosto l’estinzione rispetto un’app governativa che si appoggia sui dati di geolocalizzazione forniti da Facebook, Google ed affini. :wink:

Il mio prototipo monitora solodati dei propri contatti, cioè informazioni già visibili accedendo con il proprio account al social network, quindi senza ulteriori implicazioni di privacy. Non si parla quindi di monitoraggio effettuato da terzi su larga scala, peraltro già possibile in modo più semplice ed esteso tramite l’analisi delle celle telefoniche (statistiche degli spostamenti, su dati aggregati, sono già state realizzate in alcune regioni)

Non si potrebbe usare io-app limitando i dati e le funzioni di colloquio con la PA, che non è proprio il caso ora, ma utilizzandola proprio solo ai fini Covid?
Meglio utilizzare un’ app più o meno stabile che scrivere eo creare qualcosa di nuovo.

anch’io sono d’accordo basta cominciare

Anche no. IO nasce per alcune funzioni, un’app di tracking per tutt’altro. Peraltro già così il progetto IO è stato bersagliato e minato per anni, figurarsi far un pastrocchio tra servizi universali ed altri contingenti. Che lo sviluppo di IO prosegua per la sua strada, una PA efficiente, anche attraverso un’app, rende più snelle pratiche e fenomeni di gestione dell’emergenza, certo non in tempi brevi. Passerà prima la pandemia COVID-19 (ad oggi la stima è altri 18/24 mesi) della realizzazione di un’app pratica, utile alla sua gestione. Semmai l’app sarà pronta per la prossima epidemia, in media una ogni lustro.

Concordo con @Xander, non facciamo fare alla IO quello per cui non è ideata.
Io direi di far fare ad IO quello per cui è stata pensata ovvero snellire procedure, pagamenti e comunicazioni da/per lo stato.

Oggi ricevo le news ufficiali Covid via canale Telegram del Ministero della Salute.
Perché non averle su IO?

Oggi devo cercare sulle pagine Facebook del Sindaco e/o del Presidente della Regione le nuove delibere o novità.
Perché non riceverle sulla IO app?

Oggi devo scaricare e stampare un modulo di carta, scrivere a mano i miei dati ed altro, consegnarlo cartaceo alla Polizia. Tonnellate di carte e tempo sprecato!

Chi come me ha IO potrebbe (livelli di digitalizzazione crescente):

  1. Avere il nuovo modulo da stampare aggiornato direttamente nella inbox
  2. Avere link, dalla IO, ad un servizio che mi permetta di compilare il modulo partendo dai miei dati presenti già ottenuti. Che stampo e consegno.
  3. Avere link dalla IO, ad un servizio che mi permetta di compilare il modulo partendo dai miei dati presenti già ottenuti, che convalido ed consegno digitalmente.

Spero siano spunti sensati per il @TeamDigitale ma soprattutto per chi politicamente li gestisce.

Grazie,
L

4 Mi Piace