menu di navigazione del network

Documenti TD16 su Cassetto Fiscale

Buonasera,
ho una domanda sul contenuto del cassetto fiscale in termini di documenti TD16, ovvero i documenti di integrazione fiscale per Reverse Charge.

  1. Supponiamo che il fornitore A emetta una fattura in Reverse Charge al proprio cliente B.
  2. In base alle nuove regole, B deve emettere un documento TD16 di integrazione fiscale per Reverse Charge, dove il cessionario è B e il cedente è A.
  3. Il documento emesso da B (autofattura) dovrà essere recapitato sia sul cassetto fiscale passivo di B, che sul cassetto fiscale attivo di A.

Mi potreste confermare la correttezza del mio ragionamento?

Inoltre, il fornitore A, che si ritrova nel proprio cassetto fiscale un documento emesso da terzi, dovrà inviare questo documento in conservazione sostitutiva?

Cordialmente e grazie a chi potrà fornirmi un parere

rispondo per punti:

  1. si tratta di possibilità e non di obbligo
  2. lo troverà B

“Inoltre, il fornitore A, che si ritrova nel proprio cassetto fiscale un documento emesso da terzi, dovrà inviare questo documento in conservazione sostitutiva?”
ammesso che anche A troverà qualcosa…nulla dovrà essere posto in conservazione.
cordiali saluti
robert

1 Mi Piace

Ciao
Solo il cliente B si troverà in documento TD16 sul cassetto fiscale
Il fornitore A non non riceverà nulla da SdI

Obbligo solo dal 1 Gennaio 2022

1 Mi Piace

Grazie @Robert_Braga e @ggiorgetti per le cortesi conferme

Obbligo solo dal 1 Gennaio 2022

Obbligo da gennaio 2022 per TD17, TD18, TD19, non per TD16

Che il TD16 fosse facoltativo me lo ero perso. Hai un riferimento normativo o una FAQ dell’Agenzia delle Entrate in merito?. Mi interessa parecchio. Grazie

La legge di Bilancio 2021 ha abolito l’esterometro prevedendo la trasmissione telematica obbligatoria utilizzando il Sistema di Interscambio a partire dal 1° gennaio 2022. L’esterometro riguarda TD17-TD18-TD19.
TD16 tratta l’integrazione fattura da reverse charge interno, non ha niente a che fare con l’esterometro.
Inviare TD16 al SdI può essere utile per chi è interessato ai registri Iva precompilati ma non risulta alcuna norma che lo renda obbligatorio dal 1° gennaio 2022.

1 Mi Piace

Grazie Stefano
Mi ero “perso” che l’utilizzo del documento TD16 è *“una facoltà e non un obbligo”
Ottimo !

Di niente Gianni.
Le informazioni che ci mettono a disposizione non sono sempre chiare, è facile che qualcosa sfugga.

Grazie per le informazioni