menu di navigazione del network

Esperienze di utilizzo di metodologie agile


(Simone Piunno) #1

Ciao a tutti
sto raccogliendo informazioni sulle Pubbliche Amministrazioni che hanno provato ad utilizzare metodologie agili nella conduzione dei loro progetti.
Se siete a conoscenza di simili esperienze vi chiedo di segnalarle qui.

Grazie

Simone Piunno
Team per la Trasformazione Digitale


(Andrea Tironi) #2

Ciao @spiunno.

Dire che le usiamo mi piacerebbe molto. Dire che ci stiamo provando ad usarle e che vorremmo usarle sempre più è l’obiettivo. Perlomeno stiamo iniziando l’introduzione di questo modello nell’ambito del project management (quest’anno vorremmo anche fare un corso in merito).

Andrea


(Marco Deligios) #4

Le usiamo anche nel rapporto cliente-fornitore…


(Stefano Cattani) #5

Ciao,
la richiesta è un po’ generica, immagino volutamente.
In Arpae Emilia-Romagna abbiamo qualche esperienza in merito, quale sarebbe la richiesta più specifica?

Stefano


(Massimo Azzolini) #6

Simone,

sei poi riuscito a trovare esperienze significative?
Lavorando con la PA mi farebbe davvero piacere conoscerle e provare ad applicarle.

Ho provato in varie situazioni a introdurre Agile, ma è un compito arduo. È più semplice implementarlo sul fronte aziendale interno e rilasciare per iterazioni, ma senza coinvolgere il cliente a tutto tondo.
Ti ritrovi a fare cose tipo Scrum-but :slight_smile:

Due le principali difficoltà.

Il tipo di contratto è la maggiore. Spesso si lavora con un capitolato di gara ben definito e un budget da rispettare: non hai grossi margini di manovra da nessuno dei due lati. È un grosso fattore inibitore anche alla collaborazione.

Il secondo è, talvolta, un approccio culturale orientato ai task e non all’obiettivo. Situazione comune sia alla PA che a diverse realtà aziendali di grossa dimensione. In parte è strutturale nel tipo di organizzazione gerarchica.

Sarebbe molto interessante avere bandi che ragionano per obiettivi e metriche: obbligherebbero sia il fornitore che la PA a collaborare per raggiungerli. Senza contare che anche solo per scriverli ci si dovrebbe fare qualche domanda in più.

Ciao

Massimo


(Simone Piunno) #7

Le esperienze che abbiamo visto sono per ora rarissime.

Sarebbe molto interessante avere bandi che ragionano per obiettivi e metriche: obbligherebbero sia il fornitore che la PA a collaborare per raggiungerli.

Concordo!


(Marco Negri) #8

In Anas (www.stradeanas.it) abbiamo adattato Scrum ai nostri processi ed ai nostri contratti e, dopo una sperimentazione di un anno su alcuni progetti, oggi è la metodologia di default. I risultati sono talmente positivi che non intendiamo più tornare indietro :slight_smile:
Abbiamo redatto una"Linea Guida per lo Sviluppo Agile delle Applicazioni", se vi interessa possiamo condividerla.
Marco Negri


(Massimo Azzolini) #9

Marco, a me interessa molto.


(Matteo Scaldaferri) #10

Ciao Marco,
anche a me interesserebbe molto la guida.

Grazie,
Matteo


(Andrea Tironi) #11

Anche a me! Ci leggi?


(Marco Negri) #12

Stiamo valutando come pubblicarle con licenza Creative Commons…

A presto,
Marco