menu di navigazione del network

Fattura scartata, possibile inviarla con numero diverso?

Buongiorno a tutti, vi espongo il mio problema.
Il giorno 30/7/19 ho inviato tramite servizio web Infocamere una fattura a un nuovo cliente. Nei campi del destinatario ho inserito la p.iva e, dando per scontato che fosse uguale, ho copiato lo stesso codice nel campo codice fiscale.
Ho dato anche un numero sbagliato (582, già utilizzato) alla fattura per completare la frittata, ho inviato e poi sono partito per le vacanze.
Ieri ho riaperto la pagine degli invii e ho rilevato che che detta fattura era stata scartata dall’sdi (con il seguente codice |00324|1.4.1.1 e 1.4.1.2 non coerenti : 0xxxxxxxxxx4 - 0xxxxxxxxxx4), così ho iniziato a documentarmi su come riparare al danno, ma non sono sicuro che la soluzione da me elaborata possa essere accettata.
Pensavo di riscrivere la fattura con numero progressivo questa volta giusto (641), inserendo la data di oggi, in sostanza facendo come se la fattura precedente non fosse mai esistita. Volendo seguire le indicazioni trovate potrei citare la fattura scartata precedentemente, ma dove, nella causale?
Ringrazio chiunque possa contribuire.

Save,
una fattura scartata dallo SdI è come se non fosse mai esistita e si potrebbe reinviarla addirittura con lo stesso numero.
Ora che però è passato del tempo bisogna che faccia attenzione a numerazione e data.

Spero di averla aiutata ed attenzione che io sono un informatico e non un commercialista: per questo genere di dubbi è sempre meglio rivolgersi a chi le segue la contabità.

Leonardo.

Grazie per la risposta Leonardo, vorrei rivolgermi anch’io (anche se non sono sicuro mi saprebbe dare una risposta) al mio commercialista, ma è in ferie, e vorrei riuscire a fare qualcosa entro un mese dall’invio, non so perchè ma 30 giorni è una scadenza spesso significativa.
Per questo chiedevo aiuto alla comunità, se qualcuno ha esperienze simili lo prego di farsi avanti.

come ti è stato giustamente suggerito, una fattura scartata non è una fattura emessa.

creazione fattura => [SDI] controllo -> [SDI]Accettazione e invio

se non supera il controllo, la fattura è semplicemente scartata.
a questo punto è sufficiente modificare i dati errati e inoltrarla nuovamente.

il problema però è il tempo trascorso. in quanto si hanno 12 giorni di tempo dalla data del documento per emettere (inviare a SDI) con successo una fattura.
superati i 12 giorni la fattura è sanzionabile e si paga dal 90% al 180% dell’imposta della fattura.


se è l’ultima fattura emessa, una volta corretto il numero di fattura e i dati anagrafici, probabilmente puoi impostare la data ad oggi e inoltrarla con il numero corretto. Oppure lasciare la data del 30/07 e in caso di controlli potresti ricevere una sanzione per il ritardo.

se invece ti è rimasto un buco nella fatturazione, la cosa si complica.
Da quanto mi è stato detto va creata una nuova fattura con nuovo numero ma che citi la nota di credito interna (solo movimento contabile) che storni la fattura mai inoltrata.
In questo modo in caso di controllo l’agenzia delle entrate troverà che la fattura è legata ad una fattura stornata che corrisponde al numero progressivo mancante (questa parte è un po complicata)

Queste sono le indicazioni che puoi trovare in giro.
Non sono un commercialista ma queste sono le cose che dico ai miei clienti.
Ovviamente si consiglia sempre di sentire il proprio commercialista /consulente contabile che come tale, potrebbe essere a conoscenza di eventuali modifiche di norme/decreti e conosce se conviene o meno correre dei rischi.