menu di navigazione del network

Firma sulla CIE "invisibile"

nei giorni scorsi mia figlia ha ritirato presso il Comune di residenza la sua nuova CIE e, da un rapido controllo, abbiamo rilevato e fatto notare all’impiegata che la firma non “si vedeva”.

L’impiegata ha eccepito che probabilmente era stata firmata leggera o con una penna sottile e non era rimasta, personalmente (lavoro in Comune anche io…) ritengo che, semplicemente non sia stata centrata nel riquadro dopo la scansione anche perchè, dalla ricevuta (che vi allego), la firma risulta invece visibile e leggibile

Abbiamo chiesto come comportarci e ci è stato risposto “o la tiene così” o paga di nuovo per rifarla.

Ora, visto che “tenerla così” non mi pare sia la soluzione per avere in mano un documento valido (manca la firma!!!) e che l’impiegata non ci ha proposto soluzioni percorribili (nè si è interessata presso di voi per capire quale potesse essere la soluzione), vi contatto direttamente per capire come mi devo comportare per avere un documento valido per mia figlia.

Tra l’altro la prossima settimana la ragazza partirà per il nord Europa e, al momento, risulta sprovvista della carta d’identità nonostante il largo anticipo con il quale la stessa era stata richiesta.

Dalla ricevuta risulta evidente che la firma era rilevabile.

Ho scritto al servizio per i cittadini e mi hanno risposto “chiudendo” la richiesta senza intervento e richiedendomi di contattare direttamente il numero verde. Visto che l’ho già chiamato e le uniche possibilità di scelta del call center sono “revoca cie” o “scrivi una mail”…mi chiedo come diamine fare a contattarli direttamente…boh?!

Buonasera @RitaR

normalmente se la stampa della CIE presenta delle irregolarità (es. firma non leggibile, appunto) da attribuirsi all’operato del Comune o a difetti di stampa, il cittadino ha diritto ad una ristampa senza dover nuovamente corrispondere i 16.79 euro.

Ci comunica il Comune presso il quale si è rivolto così da condurre approfondimenti con quest’ultimo e istruirlo di conseguenza sulle giuste modalità di gestione di queste casistiche?

Se poi volesse approfondire ulteriormente la questione con il supporto CIE, può inviare una mail a cie.cittadini@interno.it specificando un recapito a cui essere ricontattata.

Saluti.

1 Like

Grazie per la celere e cortese risposta. Il Comune che ha emesso la carta è quello di Cipressa (IM).
Purtroppo non potremo andare in Comune per 3 settimane (siamo appena partiti per le vacanze)…spero non ci siano problemi di tempi massimi per la sostituzione.
Potete farmi sapere come devo procedere?

@RitaR

Contatteremo dall’assistenza CIE il Comune di Cipressa per istruire in merito alle corrette modalità di gestione delle casistiche di ristampa, compatibilmente con il periodo festivo.
Appena fatto, le risponderemo qui, così potrà recarsi nuovamente in Comune.
Saluti e buon ferragosto.

@RitaR

Buongiorno sig.ra Rita, il Comune é stato informato delle corrette modalità di gestione delle casistiche come la sua.
Può recarsi nuovamente presso di esso per richiedere la ristampa senza che corrisponda nuovamente i 16,79.
Saluti.

Forse è meglio specificate che le 16.79 euro fanno parte della quota dei diritti statali, a cui vanno aggiunti, solitamente, i diritti comunali di 5.16 + 0.26 (22.21 euro solitamene)

I diritti fissi non sono di competenza del Poligrafico, ma del Comune.
Il Poligrafico può pertanto solo rispondere delle quote di propria competenza.
Abbiamo tuttavia evidenza che nella maggior parte dei dei casi, specie quando si tratta di errore dell’operatore, il cittadino non deve corrispondere nulla.
Siamo al lavoro con MIN e MEF per raffinare le regole da seguire in tutte le casistiche.
Saluti.

Sono d’accordo, ma la precisazione sui costi della CIE, in particolare per chi nel tempo leggerà questo post, potrebbero evitare fraintendimenti come quelli che accadono in ufficio sui costi effettivi, in cui solitamente i Comuni fanno pagare la quota comunale

Ringrazio tutti per gli interventi e vi aggiorno…può sempre tornare utile ad altri.
Il servizio di assistenza cie (preciso e veloce) ha contattato direttamente il Comune interessato ed ha fatto presenti le procedure di sostituzione. Mia figlia è attesa allo sportello venerdì per l’annullamento della cie errata e la richiesta della nuova: vi aggiornerò sulle spese che, come comunicato dal ministero, non dovrebbero esserci (per quanto attiene i diritti statali) trattandosi di errore dell’operatore e/o di stampa.