menu di navigazione del network

[LG-SPID-minori] 5. Rilascio di SPID ai minori

Dall’analisi della normativa vigente emerge l’opportunità che il rilascio dell’identità digitale SPID a favore del minore avvenga previa richiesta da parte di chi esercita la responsabilità genitoriale, ferma restando la facoltà del minore che abbia compiuto quattordici anni di esprimere autonomamente il consenso al trattamento dei propri dati in relazione all’offerta di servizi della società dell’informazione.

Continua a leggere su Docs Italia.

il processo sopra indicato appare
in contrasto con “il minore che ha compiuto i quattordici anni può esprimere il consenso al trattamento dei propri dati personali in relazione all’offerta diretta di servizi della società dell’informazione.”

in contrasto con i diritti di riservatezza del minore 14+ o 16 + nell’accesso a servizi specifici

1 Mi Piace

"Garantire che nessun dato del minore sia fornito ai SP in assenza del consenso del genitore E del minore che ha compiuto almeno quattordici anni. "

Questo obiettivo è diverso da quanto previsto in premessa:
""Garantire che nessun dato del minore sia fornito ai SP in assenza del consenso del genitore O del minore che ha compiuto almeno quattordici anni. "

1 Mi Piace

Di seguito alcune considerazioni.

  1. Riteniamo sia fondamentale che venga introdotto un capitolo dettagliato sulle evidenze che l’IdP è tenuto a conservare (con l’indicazione del periodo di conservazione) sia con riferimento alla fase di rilascio dell’identità del minore sia con riferimento alla fase di utilizzo della stessa (ad es. quali log sono da conservare? anche quelli relativi all’autorizzazione del genitore?);

  2. I primi cinque capoversi del Cap. 5 fanno riferimento alla fase di utilizzo dell’identità del minore una volta che l’ha ottenuta (uso identità da parte del minore a regime). I capoversi successivi (a partire da “L’IdP predispone un servizio…” attengono invece al processo di Enrollment di tale identità del minore. Per una maggiore comprensione, consigliamo fortemente che tali Linee Guida distinguano chiaramente i due processi, fornendo indicazioni più puntuali e pratiche sullo svolgimento dei singoli step;

  3. Riteniamo sia utile specificare chiaramente, atteso che il processo sembra essere eseguito in prima battuta dal genitore, quando debba essere richiesto al minore di presentare il documento di riconoscimento. È il genitore che ha le due alternative di allegare copia del documento del minore che riporta il nominativo del genitore oppure fare una dichiarazione ex DPR 445/2000?

  4. Necessitiamo di indicazioni più specifiche sulle modalità di raccolta della delega e sul suo formato. Inoltre, AgID metterà a disposizione un template?