menu di navigazione del network

l'Intelligenza Artificiale negli uffici di contabilità

Il collega dottore commercialista Ferruccio Covio di Padova su eutekne.info scrive un articolo dove mette a nudo alcuni problemi ancora da risolvere sul fronte dell’automazione (non ancora realizzata) del lavoro di contabilità che si svolge negli studi commerciali, che tutti ci aspettavamo (con l’introduzione della Fattura Elettronica) ma che non ancora si realizza.

Nell’articolo si fanno tre esempi.

  1. il flusso dei dati dei corrispettivi è stato reso telematico ma poi in effetti l’Agenzia delle Entrate non ha ancora reso possibile una importazione automatica e friendly di tali dati

  2. il flusso dei pagamenti delle fatture che le banche rendono disponibile con appositi file CBI non si possono importare in modo automatico come si fa con il flusso delle fatture che arriva dallo SDI

  3. la tassonomia xml delle fatture elettroniche non è stata ottimizzata per rendere possibile in modo standard la possibilità di imputare le voci di costo in modo automatico nella contabilità del cessionario. O meglio in teoria è possibile ma in pratica non essendo stato implementato in modo funzionale di fatto le software house non lo stanno utilizzando.

Ottimo articolo,

concordo su tutto,
tranne sul punto 3), in quanto un buon software riesce ad associare al singolo rigo articolo la relativa contropartita contabile (solo la prima volta, do in pasto questa informazione), e quindi la contabilizzazione della fattura acquisti diventa molto semplice.
Fornitore → Iva acquisti → Costi