menu di navigazione del network

Nota di credito - segno negativo


(Marco Checchi) #1

Buongiorno, noi di debitoor, programma di fattura elettronica, emettiamo note di credito con il segno negativo nel file XML. Le direttive dell’AdE non sono chiare ma un cliente, si solo uno, ha riportato un problema con le tasse che gli vengono richieste perchè le note di credito con importo negativo vengono considerate come fatture normali (che vanno ad aumentare l’imponibile).
Volevo sapere se qualcuno ha una qualche informazione ufficiale o se ha riscontrato lo stesso problema,
Grazie


Nota di credito elettronica
(Krasimira) #2

Ho ricevuto la fattura con segni negativi, ma sono d’accordo che è difficile da gestire e per evitare incomprensioni è meglio attenersi solo a valori positivi e utilizzare il tipo di documento come indicatore se si tratta di un credito


(Daniele) #3

ne abbiamo parlato abbastanza qui

ci sono pareri discordanti.
ma se leggi verso metà troverai un post dove qualcuno ha fatto una domanda diretta all’agenzia delle entrate che gli ha risposto che il segno deve essere positivo.
Nonostante quello ci sono comunque pareri discordanti.

tante grandi aziende di servizi tendono a fare note di credito e fatture con importi negativi.

il fatto che un cliente ha avuto il problema significa che l’ADE non ha (o non aveva) adottato la politica di inserire la nota di credito come valore assoluto ed è un problema serio.


(Alessio) #4

Assosoftware ha aggiornato la FAQ in proposito pochi giorni fa che riporta:

Le Note di Credito sono documenti di variazione negativa di imponibili e imposte. Tale effetto è predeterminato dalla tipologia associata al documento (TD04). I valori degli importi a credito devono quindi obbligatoriamente essere riportati sempre positivi sia nelle righe che nel riepilogo per aliquota. Eventuali documenti TD04 che riportano valori a credito negativi dovranno essere elaborati ignorando il segno.


(Daniele) #5

purtroppo quella dicitura, se quanto riportato da @Marco_Checchi risulta la costante, è sbagliata.

dovrebbe essere variata in

in quanto la frase che loro riportano sembra indicare che quando ricevi una nota di credito con segno negativo devi registrarla con segno positivo.
In realtà il fornitore dovrebbe emettere 2 note di credito con segno positivo.
una per coprire quella errata che ti ha creato un addebito
e una che rappresenta la nota di credito che volevano farti.


(Marco Checchi) #6

Grazie mille, in effetti è come credevo. Potevano semplicemente ignorare il segno e renderci la vita più facile… Ma non ci si può aspettare troppo!


(Neapolis) #7

ma il problema non è solo quello di registrare la nota di credito correttamente,
il problema nasce dal fatto che se io ricevo un documento errato, PRETENDO, che il mio fornitore lo corregga per evitare qualsiasi problema futuro…

è stato detto e ridetto che le Nc vanno esposte positive, e ci sta ancora qualche imbecille che continua a negativizzare gli importi !!!


(Daniele) #8

eviterei toni offensivi perché l’importo negativo nasce da anni di storia di contabilità.
non è un caso che molte aziende lo usano.
ovvero partono dal presupposto che il tipo di documento non è dominante ma lo è il segno.
quindi il meno è a credito e il più è a debito.

ho appena visto una fattura di vendita TD01 con importo negativo per stornare un pedaggio


(Morris Colia) #9

Non è il discorso di essere imbecilli in quanto quelli di Debitoor imbecilli non lo sono di sicuro.
Mi permetto tuttavia di sottolineare che in la presenza del TD0x rappresenta di fatto il segno (debito/credito) con cui interpretare il documento intero.
Una fattura che contenga riferimenti a storni o sconti avrà di fatto quei valori con segno negativo.
Una nota di credito che necessitasse di questa esigenza, se scritta tutta con segno negativo, sarebbe illeggibile…


(Bruno) #10

comunque Aged ha dato un chiaramento esplicito di recente dicendo che gli importi vanno sempre indicati positivi.