menu di navigazione del network

Notifica utilizzo donazione sangue

Buonasera,
ho letto che in Svezia, se si dona il sangue, si riceve una notifica quando la propria sacca viene utilizzata.

si potrebbe pensare di potare tale notifica su IO.

Questo potrebbe essere:
a) un ottimo modo per incenvitare la donazione del sangue (il feedback porta a donare ancora)
b) presso i donatori, un ottimo modo per incentivare all’utilizzo di IO e al fare SPID.

3 Mi Piace

Davvero un’ottima proposta! Complimenti per l’idea.

1 Mi Piace

Grazie @Luca_Valerio ; credo non sia neanche di difficilissima applicazione (le sacche contengono già identificativo del donatore), quindi qui bisognerebbe vagliare principalmente la priorità.
La cosa interessante è che le associazioni per la donazione del sangue si farebbero poi anche promotrici dell’app verso i loro soci.

L’unico problema che vedo (da non esperto) è questo: le donazioni di sangue sono organizzate di solito da istituzioni private (come l’AVIS), seppure non a scopo di lucro. Dubito che le associazioni non pubbliche siano abilitate ad accedere a IO. Le trasfusioni, però, sono effettivamente realizzate solo nel pubblico. Allora sarebbe sufficiente che il sangue donato rimanesse associato al codice fiscale del donatore, che segue il sangue nel momento in cui l’AVIS lo inoltra agli ospedali e senza intervento diretto dell’AVIS in IO. Forse sarebbe più facile introdurre questa notifica dopo che sarà raggiunto un obiettivo ben più ambizioso: collegare il Fascicolo Sanitario Elettronico a IO.

si, le sacche sono raccolte spesso da associazioni come Avis. Ma poi c’è un laboratorio che le analizza, e il percorso del donatore è sempre tracciato (se il sangue avesser problemi, possono sospendere il donatore).
Quel che voglio dire è che, potenzialmente, sappiamo sempre a chi appartiene ogni singola sacca di sangue; che poi i dati siano trattabili è altro discorso… ma credo che il posto giusto per una notifica del genere (che, come evidenziato nell’articolo, porterebbe au un aumento delle donazioni) sia proprio IO.

nell’articolo si parla di SMS… la cosa più semplice del mondo.
Davvero, è proprio necessario inventarsi una notifica sull’app IO, che prevede una autenticazione con SPID, solo per notificare l’utilizzo di una sacca di sangue donata?

Inventiamoci altro per incentivare l’utilizzo di SPID e IO. Ogni tecnologia ha il suo scopo.

1 Mi Piace

ciao @perrcla,
si, capisco la tua obbiezione.
Ma ragionimo sul flusso di lavoro: se montiamo un servizio del genere, quando la sacca viene usata, l’opreatore (credo già oggi) la passa su un lettore di barcode per identificare che sacca è.
Tra i dati della sacca ci sarà il cf del donatore (non visibile sulla sacca ma all’interno del barc code), il sistema può quindi inviare la notifica.

Qui abbiamo due strade secondo me:
a) l’sms. Questo vuol dire che al momento di diventare donatore di sangue, l’utente registra anche il suo numero di telefono. Serve quindi un sistema che lo registri in sicurezza, e serve archiviare il consenso privacy. Se vuoi dare al donatore un’area privata dove poter eventualmente cambiare i dati i farli cancellare (in accordo con il GDPR), devi crearla e manutenerla.
Al netto dei costi, c’è per il donatore un’azione in più da fare.

Oppure possiamo usare IO: i dati sono già presenti, registrati e sicuri: bisogna solo fare il match tra cf sulla sacca e cf del donatore. Non devono registrarsi o creare un’area privata; basta che abbiano SPID e scarichino IO; che useranno per moltissime altre cose.
I donatori che conosco io credo sarebbero contenti di poter ricevere una notifica del genere, quindi potrebbe essere davvero un volano per le attivazioni di spid e di IO.

Quindi si, confermo: secondo me per questo servizio IO è lo strumento giusto.

ciao!

Il donatore rilascia SEMPRE il suo numero di telefono perchè chi organizza le donazioni lo deve poter contattare sia per ricordargli le donazioni, sia per rinviarle in caso di problemi, sia per notificargli eventuali problemi sulla sua sacca (es. si scopre che è positivo all’HIV, il medico AVIS chiama il donatore e lo informa)
Io di sicuro preferisco di gran lunga che la notifica mi arrivi (se proprio deve, non ci vedo alcun valore aggiunto) via SMS o finisca nel mio fascicolo sanitario elettronico. Non starei a sprecare neanche un minuto di lavoro di un programmatore di IO su questa cosa, visto quante altre sono più urgenti e necessarie da implementare lì sopra.

ciao Elena,
il valore aggiunto è che dove l’hanno implementato si è visto che i donatori di sangue diventano più “fedeli”. Nel senso che donano più sangue. Mi sembra un valore aggiunto interessante.
è vero che il donatore rilascia sempre il suo numero all’organizzazione… ma appunto, all’organizzazione. Non esiste un registro unico dei donatori di sangue e del loro numero di telegono.
Quello che tu dici prevederebbe
a) un registro che associ ogni sangue al donatore e al suo numero di telefono
b) un servizio che, quando si utilizza la sacca, utilizzi il registro di sopra per inviare la notifica (o al fascicolo sanitario eletronico).

Quindi qualsiasi soluzione che non comprenda IO quindi richiede un minimo di sviluppo… perchè a quel punto secondo me conviene utilizzare le API di io, io modo di riempirlo di servizi.

sulla priorità: mi sembra una cosa relativamente semplice da fare in IO (si tratta di gestire la notifica che compare all’interno e l’API), quindi credo sia più che altro il SSN a dover creare il servizo per associare la sacca al donatore e inviare la notifica; il team di IO credo sarebbe coinvolto molto poco.

Su quanto questa cosa sia prioritaria o meno, rispetto a tutte le altre cose importanti che possiamo fare con IO, lascio ovviamente decidere il team di IO e le altre persone competenti :slight_smile:
ciao!