menu di navigazione del network

Percorso di Formazione-Investimento-Chiarimento per PAL


(Andrea Tironi) #1

Bungiorno a tutti.

Il Piano Triennale prevede delle linee guida che sono cittadino oriented o first.
Il TeamDigitale si sta occupando di tutti queli aspetti che possono semplificare l’introduzione del digitale per quanto riguarda la parte di accessi cittadini, interfacce, cittadino-experience etc etc. con molto impegno e competenza.

Introduco un altro aspetto, preso anche dal documento:

http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/HTML/?uri=CELEX:52016DC0179&from=IT

dove dice “le pubbliche amministrazioni devono cambiare i loro backoffice”.

Questo, a mio avviso, fa effettuato considerando anche il seguente aspetto:

Prevedere nei cambiamenti che si richiedono alle PA (PAL nel mio caso) un percorso di formazione-investimento-chiarimento dei vantaggi, in modo che divento parte attiva e non passiva del cambiamento, alimentando a loro volta le novità e non diventando nel migliore dei casi un mezzo e nel peggiore un ostacolo.

Cerco di approfondire i 3 punti importanti.

1.Formazione
E’ necessaria per comprendere il cambiamento, sia a livello normativo che informatico.

1.2 Investimento.
Spesso le normative diventano per le PAL dei semplici costi a cui attenersi, per cui non hanno i soldi e per cui non vedono onori, ma solo oneri. Potrebbe essere interessante aiutarli nell’investimento (facendogli percepire che è un investimento e non un costo), dicendo che (ad esempio) chi si mette a norma per le Misure Minime di Sicurezza ICT può farlo:
1.2.1 aderendo al Bando Italiano X oppure al Bando Europeo Y che finanziano questo cambiamento
1.2.2 Permettendo deroghe al pareggio di bilancio in ottica di ottemperare a queste indicazioni
1.2.3 Prevedendo degli aumenti di trasferimenti da stato a PAL per le amministrazioni che si mettono in regola
1.2.4 Prevedendo delle riduzioni di trasferimento da PAL a Stato per le amministrazioni virtuose
1.2.5 altro?

Sono solo esempi.

Il meccanismo di premio-penalizzazione è fondamentale per riuscire a rendere effettivo un progetto.
Dare evidenza di come finanziare questi cambiamenti è molto importante altrimenti per le PAL diventa un semplice: norma -> problema -> compro una soluzione che risolve il problema da un esterno -> finito, dove manca la fase di implementazione e funzionamento effettivo. Il tutto diventa quindi un mero problema con costi.

1.3 Chiarimento.
Evidenziare in maniera chiara e netta quali sono i vantaggi non solo per il cittadino ma anche per la PAL (sia lato amministratori che funzionari).

Esempio: come funzionario dell’anagrafe vedo con fastidio ANPR perchè è una rottura di scatola la fase di bonifica e perdo il controllo del dato visto che la base autoritativa è al centro dopo e non più in periferia. Quali sono i vantaggi? Non ne vedo. Invece i vantaggi sono A,B,C,D … facendo vedere competenza specifica nei loro processi e mostrando come in pratica si snellirà il loro lavoro.

Quindi prevedere una campagna informativa anche per il backoffice, che va chiaramente rivisto sia a livello di processi che di comunicazione informativa, come dice la norma Europea.

My 2 cents.

Andrea


(Andrea Tironi) #2

YEEEEEEEEEEEEEEEEEEEAAHHHH!

Andrea