menu di navigazione del network

Problemi da parte del Comune nel fare la CIE per cittadino nato all'estero

Salve
Mi sono recato insieme a mio padre,93 anni,per fargli fare la CIE,in quanto il vecchio documento cartaceo è in scadenza,a Roma (prorogato fino a fine Aprile credo). Si è verificato un problema decisamente imprevisto: a un certo punto l’impiegata non è potuta andare avanti perchè a quanto pare non risultano presenti gli estremi dell’atto nascita (ha usato una sigla particolare,che non ricordo),sono gli estremi che,in teoria,dovrebbero già comparire nel precedente cartaceo: in effetti nel documento cartaceo compaiono solo dei trattini,e anche in fotocopie di documenti di identità del passato vi è la stessa lacuna. Il punto è che mio padre è nato al Cairo,Egitto,nel 1928,cittadino italiano dalla nascita in quanto figlio di cittadini italiani ed è rimpatriato a metà degli anni '50.Anche in vecchia documentazione degli anni '80,dove comparivano dati anagrafici di mio padre e di mia madre,sembra sempre esserci un codice di soli zeri relativo all’atto di nascita di mio padre.Ho cercato anche sul portale dell’anagrafe del ministero degli interni,ma li compaiono solo dati anagrafici che poi sono gli stessi che ci stavano presentando in sede di procedura di compilazione. Gli impiegati del comune a questo punto,mi pare,si sono trovati in difficoltà,non sapendo cosa fare esattamente: inizialmente hanno pensato di far fare una cartacea,ma a quanto pare anche li la procedura non va avanti,parallelamente a ciò un’impiegata ha cominciato a chiedere dettagli sulla genealogia di mio padre,in particolare chiedeva un comune italiano di nascita dalla parte di famiglia del padre: addirittura volendo risalire a un nonno o bisnonno di mio padre ,francamente però,chiedere a una persona di 93 anni di dettagli circa persone che peraltro neanche ha mai conosciuto diventa complicato,e mio padre,a memoria ha azzardato un nome di un comune.Non ho capito a cosa serva,la dipendente mi ha detto che inoltravano richiesta a quel comune (?). Aggiungo che in effetti noi disponiamo ancora del certificato di nascita di mio padre rilasciato dall’allora consolato italiano in Egitto,ma non è quello di cui abbisognano per completare la procedura,serve,da quanto ho capito un codice dall’estratto dell’atto di nascita (che è quello che viene appunto gia riportato nei precedenti cartacei,ma evidentemente una volta non era affatto obbligatorio,altrimenti,ovviamente mio padre non avrebbe potuto mai fare alcun documento di identità)…ho avuto l’impressione di una totale impasse,perchè non mi hanno assicurato nulla circa la prosecuzione della procedura,e ci hanno lasciato a questo punto senza ulteriore assistenza.Da quello che leggo in rete,per un cittadino italiano nato all’estero,si parla di trascrizione dell’atto di nascita ma è una cosa addirittura dai tempi lunghi perchè coinvolgerebbe appunto un consolato relativo allo stato estero (da cui ottenre copia originale tradotta…)…d’altra parte se i prcedenti documenti di identità (non solo carta di identita,ma anche passaporto purtroppo scaduto da tempo) si sono sempre potuti fare,nel cambiamento dovuto all’unificazione delle banche dati tra comune e ministero,forse doveva essere previsto qualcosa perchè io mi sono recato con il mio genitore,ignaro di tutto questo intoppo burocratico.

Ciao, l’unica cosa che so dirti che forse può esserti utile è che hanno allungato le scadenze delle carte d’identità quest’anno, per il resto @IPZS-CIE ti dovrà aiutare