menu di navigazione del network

Quali APIs saranno disponibili al mercato?


(Massimo Pibiri) #1

Buongiorno,
sono un imprenditore e sviluppatore residente a Parigi. Trovo che il progetto sia fantastico, e che soddisfi le necessità fondamentali delle istituzioni. La documentazione di questo sito é interessante, ma non trovo nessun accenno sulla possibile connessione tra le API create ed il mondo imprenditoriale. Mi spiego, e prendo come esempio il CIE: ci saranno delle API a cui sarà possibile connettersi con un azienda privata per ottenere informazioni? Per esempio, attualmente sto lanciando un’impresa in cui é necessario verificare la maggiore éta dell’utente. Avete pensato a rendere l’identità digitale utile a questo fine? Un bottone sul genere del ‘login Facebook’, ma con una vera identità anagrafica, per servizi come l’affitto di un veicolo? Naturalmente la domanda vale anche per le altre iniziative che state sviluppando. Quali sono le aperture verso il mondo privato? E dove ne troviamo le informazioni?
Grazie per la risposta e per l’iniziativa.
Massimo


(Francesco Gazzani) #2

buon giorno Massimo, le aperture verso il mondo privato nascono in quanto un sistema sinergico, quale il trasporto organizzato per esempio può sicuramente fare risparmiare tempo alle persone (tempo da spendere e condividere al meglio per se stessi o con gli altri, da spendere al lavoro o al mercato, perché anzitutto il mercato siamo noi e i frontalieri pure).
In seconda battuta la mobilità delle persone aumenta l’opportunità di impresa: quante culture differenti viaggiano e spesso non vengono servite dai prodotti alimentari a loro connesse. Mi spiego meglio; io abito in italia, se per questioni socio economiche mi dovessi spostare in un altro stato dove non coltivano il carciofo per esempio ne sarei rammaricato, si forse mi adeguerei ma ci fossero i carciofi li comprerei sicuramente. Quante persone sono nel nostro territorio e non riescono a trovare i prodotti legati alla cultura, e quanti desiderano coltivarli per far fronte a questo, vanno incontro a tantissime difficoltà, con la carenza di lavoro, con l’abbandono dei campi nella mia zona questa può essere un’opportunità di lavoro condiviso?