menu di navigazione del network

Reinvio fattura scartata: stesso nome XML?

Come da titolo vorrei avere la conferma che, in caso di scarto dallo SDI, sia possibile re-inviare allo SDI la fattura corretta avente stesso numero, data emissione, cedente e, soprattutto, stesso nome del file XML. Grazie a tutti in anticipo.

1 Like

Nessuno ha mai avuto la necessità di ritrasmettere fatture scartate finora?

Per quel che riguarda cedente/prestatore, data e numero, sì puoi ritrasmettere una fattura scartata (o rifiutata dalla PA).
Per quel che riguarda il nome del file invece non dovrebbe essere possibile riutilizzarlo, ma non ho mai testato questa cosa perché noi ne generiamo uno nuovo ad ogni invio (anche perché presumibilmente la fattura è stata modificata prima di inviarla di nuovo e quindi il file non è più lo stesso).
Se guardi l’elenco dei controlli, vedrai che per i controlli 00404 e 00409 (univocità della fattura) dice esplicitamente che, come ho detto sopra, non si applica per fatture scartate o rifiutate, mentre invece per il controllo 00002 (unicità del file trasmesso) non lo dice.

A me è capitato di fare un test simile e, almeno in ambiente di test, ti permette di spedire lo stesso file con lo stesso nome e gli stessi dati.
Non ti so dire se in produzione i controlli siano più restrittivi.

Abbiamo effettuato un test ed effettivamente, anche mantenendo lo stesso nome XML, se la prima fattura è stata scartata la seconda è stata accettata dopo aver apportato le modifiche che hanno causato lo scarto.

Ottimo. Buono a sapersi.

Assolutamente Si.
Certo che ha lo stesso nome, il Sdi sa che te l’ha scartata per cui non esiste il problema del nome file duplicato.

Salve Stefano, è possibile reinviare la fattura scartata con lo stesso nome. In alternativa, va stornata la fattura originale e creata un’altra con un’altra data d’emissione e altro numero. Se però l’SDI le accetta tutto normalmente, non ha bisogno di fare altro.

Spero di esserle stata d’aiuto!

E’ possibile usare lo stesso NUMERO, ma occorre un diveso NOME FILE.
E’ il primo controllo fatto dal SDI.