Tempi di ANSC

Qualcuno ha notizie o certezze circa il cronoprogramma dell’avvio di ANSC e delle cose da fare?

Il progetto ANSC - Archivio nazionale informatizzato dei registri dello stato civile, si inserisce nell’ambito più ampio del programma di estensione dei servizi digitali offerti dall’ ANPR - Anagrafe nazionale della popolazione residente, così come previsto dall’art. 62 c. 2 bis del D.Lgs 82/2005 (CAD - Codice dell’amministrazione digitale).

Con apposito decreto del Ministero dell’Interno (D.M. del 18/10/2022), sono state definite le modalità e i tempi di adesione da parte dei comuni all’ ANSC, con conseguente dismissione della versione cartacea dei registri di stato civile.

Inoltre, una delle misure dell’asse “Digitalizzazione della pubblica amministrazione” del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) riguarda “l’attuazione della semplificazione e della digitalizzazione di 50 procedure critiche che interessano direttamente i cittadini”, nell’ambito delle quali è compresa l’informatizzazione dei registri dello stato civile.

Con l’istituzione dell’ ANSC ogni comune potrà accedere a una piattaforma unica centralizzata, gestita dal Ministero dell’Interno, per le attività di registrazione, archiviazione e conservazione, che consentirà altresì il rilascio dei certificati stato civile.

1 Mi Piace

La certezza è che diversi comuni (da 5 a 10) sono in adozione controllata da novembre 2023. Quindi stanno facendo atti digitali reali, senza produrli sulla carta: l’atto viene salvato nel sistema ANSC nazionale in forma informatica.
Il progetto è quindi pienamente in corso, e appare intuibile che la fase di adozione controllata che serve a validarne il funzionamento, si intende concludere nel 2024 per iniziare la progressiva adozione nazionale. Quando si concluderà, è presto ora per dirlo con certezza.
In teoria la legge prevede dopo la conclusione formale dell’adozione controllata in seguito a comunicazione del Ministero dell’Interno, 18 mesi per l’adozione da parte di tutti i comuni.