menu di navigazione del network

AgID, Team, ha senso segnalarvi qui problematiche su licenze?

Buonasera,
la domanda non è retorica. Ve lo chiedo in modo diretto perché inizio a pensare che non lo abbia e non voglio “sporcare” il forum con thread inutili.

Il “Dipartimento della funzione pubblica” ha ad esempio un importante sito che si occupa (tra le altre cose) del monitoraggio degli interventi di rafforzamento della capacità amministrativa (OT11) e di attuazione dell’Agenda Digitale (OT2) dei PON e dei POR http://www.ot11ot2.it/comitato-di-pilotaggio/monitoraggio

Nel piede si legge:

I contenuti di questo sito sono distribuiti con una licenza Creative Commons, Attribuzione - Non commerciale, CC BY-NC-SA 4.0 compresi quelli inseriti volontariamente dagli iscritti.

Un sito ministeriale, specie un sito con questa natura, dovrebbe avere associata una delle tante licenze aperte descritte nelle “Linee Guida Nazionali per la Valorizzazione del Patrimonio Informativo Pubblico”. Ma non è così :frowning:

Lo segnalo qui, “dal basso” a voi che “siete in alto”, perché siete quelli che definite come le PA in Italia devono gestire dati e licenze. E quindi una vostra segnalazione ha gioco/forza un valore e anche un significato diverso.

Io mi aspetto e mi auguro che possa essere uno dei vostri (tanti) obiettivi. Però potrebbe non esserlo, e quindi fare segnalazioni qui, di questo tipo, sarebbe off topic e nel caso me ne scuso.
Sottolineo che non mi aspetto che vi occupiate di segnalazioni sul comune di Carrapipi, ma di enti ad alto livello e/o a casi (da voi valutati) come significativi.

Grazie per l’attenzione

3 Likes

Ciao Andrea,

il tema è sicuramente molto interessante. Il CAD indica una preferenza per le licenze aperte (come documentato anche dalle Linee guida per la valorizzazione del patrimonio informativo). Tuttavia, nonostante la legge parli di “Dati e Documenti”, l’indicazione è contenuta all’interno di una linea guida pensata per la pubblicazione di Open Data, e mi aspetto che non sia molto visibile per un’amministrazione che sta solo creando contenuti per il proprio proprio sito web. Abbiamo già scritto un paragrafo a riguardo, che riprenda le linee guida di cui sopra, con l’intenzione di pubblicarlo nelle Linee guida di Design, il cui aggiornamento uscirà tra poco.

Detto questo, è un tema a cui sicuramente siamo sensibili. Vorrei quindi, dove posso, fare anche di più.

Credo che segnalazioni come queste siano molto importanti, e possono aiutarci a mappare i casi su cui eventualmente intervenire, segnalando alle PA interessate la possibilità di scegliere licenze più in linea con lo spirito del CAD e del Piano Triennale. Keep 'em coming :wink:

Riccardo

3 Likes

Ciao Riccardo,

quindi ha senso farvi questo tipo di segnalazioni. Sono contento.

Penso che sia propedeutico costruire e concordare un processo con cui dare seguito alla cosa.

Io lo immagino così:

  • le segnalazioni “dal basso” vengono fatte qui, magari in una nuova sotto categoria dedicata di “Piano Triennale”, a cui eventualmente associare un modello di post (cosa comoda di discourse);
  • voi in prima battuta direte brevemente se vi sembra un caso degno di nota e se sì nello stesso messaggio ci indicherete che avete inviato la segnalazione (magari specificando a chi);
  • nel messaggio che invierete indicherete l’URL del thread da cui è partita la richiesta, e farete presente che è possibile rispondere direttamente nel thread;
  • se la risposta (qualsiasi sia l’esito) non arriverà nel thread, ma nella vostra casella di posta, la riporterete nel thread. Non il copia e incolla del messaggio che avete ricevuto - dentro ci possono essere elementi personali e diretti legati allo scambio che avviene in uno spazio privato - ma una sintesi “fattuale” (“la licenza verrà modificata entro giugno …”, “gli uffici non modificheranno nulla perché …”).

Che ne pensi? Se è tutto sbagliato, butta tutto :slight_smile: però prima di partire penso sia importante definire e concordare un workflow di base.

Grazie e buona giornata

Ciao a tutti,
riprendo il processo abbozzato da @aborruso per focalizzare una cosa, che per me non è assolutamente scontata.

Il bello di poter usare un luogo come questo per capire come aggiustare alcune cose strane come quella segnalata sulle licenze applicate ai contenuti dei siti, è il suo essere pubblico e visibile a tutti. Tutto il processo per gestire la segnalazione diventa rendicontabile. Questo ci aiuta - un po’ tutti - ad imparare qualcosa di più sui meccanismi della PA: diventiamo un po’ più consapevoli.
Ecco qual è lo spirito dell’accountability che vedo nella gestione di un workflow come quello proposto da Andrea.

Licenze

Tornando su licenze e applicazione del copyright nei siti della PA, potrebbe essere utile inserire nelle Linee guida di Design un qualche tipo di automatismo che permetta una selezione di licenze e/o copyright vincolato (tipo selezione controllata), così si riduce la possibilità di errore. No?
Se le linee guida lo indicano, le varie implementazioni potranno adottarlo fin da subito.

Grazie,
Matteo

1 Like

Mi chiedevo se poteva essere una buona idea quella di proporre in fondo ad ogni sito delle PA un footer comune che puntino sempre alle stesse note legali che potrebbero essere ospitate sul sito di AgID.

So benissimo che la scelta di una licenza dovrebbe essere una questione consapevole (quello di andare su scelte come ND o NC sono spesso azioni svolte dal funzionario di turno senza pensarci sopra molto), spesso però avere qualcosa di preconfenzionato aiuta e non crea troppa entropia.

3 Likes

@Riccardo_Iaconelli non appena ci darai una risposta a questo, ci attiviamo con eventuali segnalazioni.

Grazie

Ciao Riccardo, mi dai appena puoi un cenno a quanto proposto?

Grazie e buona giornata

Ciao Andrea,

direi che una sezione è troppo grande, potremmo semplicemente utilizzare un thread, magari accorpando più segnalazioni nello stesso post.

Non credo invece che sia utile alla causa gestire le segnalazioni in modo pubblico. Non vogliamo creare uno spazio che possa essere anche solo percepito come “wall of shame”: sarebbe sia sbagliato nelle intenzioni che controproducente. Allo stesso modo non credo sia utile chiedere conto in modo pubblico alle amministrazioni di una scelta di licenza che, seppur non in linea con lo spirito della normativa e contrario alle linee guida, è comunque loro permesso. Una mappatura delle licenze dei dataset sulla quale poter agire è sicuramente l’approcio più efficace.

Ciò che invece credo sia sicuramente fattibile è raccogliere un elenco delle amministrazioni o dei dataset che effettuano questo cambio di licenza, e comunicarlo, anche qui sul forum.

Ciao,
Riccardo

1 Like

Ciao Riccardo,

ok, allora appena capita, ne apro uno con subject generale “segnalazioni su licenze” (o magari lo farà qualcun altro).

So che non l’hai scritto, ma ci tengo a sottolineare che il “wall of shame” sia una cosa per la quale anche io non ho alcun interesse.
Però non sarebbe male poter tenere tracciare sia di una bella risposta nel merito, sia un pesante silenzio su modalità totalmente inadeguate di gestire la cosa. Magari al rinnovo del team, se aprite a un lancio di idee/proposte …

Visto che verrà aperto un thread dedicato, vi chiedo però di comunicare lì la vostra valutazione della segnalazione ricevuta e - nel caso sia valutata degna di nota - dare conferma di averla girata alla PA. Questo si può fare?

Saluti

1 Like

Ciao,

ma certo, ovviamente cerchiamo di dare sempre conto di ciò che stiamo facendo!

Come ti dicevo oltre alla segnalazione vorrei cercare di essere noi i primi ad essere “in regola” quanto più possibile, ovvero fornendo guide chiare a cui riferirci.

Ciao,
Riccardo

1 Like

Ciao @Riccardo_Iaconelli,

ho aperto il thread e fatto la prima segnalazione.

Grazie

Ha senso fare anche segnalazioni di blocco? Andando a memoria penso che abbiamo incontrato centinaia o migliaia di casi con “margini di miglioramento”.

Federico, non ho compreso cosa intendi per segnalazioni di blocco (sono tonto io). Grazie

Intendo: segnalare piú di un caso alla volta. Se è utile, potrei qualche giorno fare un elenco di qualche decina, centinaio o migliaia di casi che ritenessi essere interessanti. (Ovviamente dosando di conseguenza il livello di dettaglio su ciascun caso.)

Ciao @Federico io ero e sono molto d’accordo con te e avevo proposto questa modalità.

@Riccardo_Iaconelli non si è detto d’accordo e abbiamo il thread in blocco :frowning:

Secondo si può ancora tranquillamente modificare la cosa, perché funzionerebbe meglio.

Ciao,

una segnalazione “in blocco” va benissimo, anzi, è più comoda! Dico di più, raggruppiamolo sullo stesso thread.

La cosa su cui non sono d’accordo è rendere le interazioni tra le amministrazioni (i.e. le mail che noi e le amministrazioni titolari dei dati ci scambiamo) pubbliche: è il modo peggiore per ottenere qualunque forma di collaborazione.

Riccardo

Ciao Riccardo,
non mi sono spiegato.

Io e @Federico pensiamo che tutto in blocco in un unico thread non sia ottimale. Perché poi se devi andare ad approfondire un po’, con risposte a uno dei casi del singolo del thread, probabilmente la leggibilità si perderebbe.
Mentre sarebbe meglio con una subcategoria e singoli thread (è solo un’opinione personale).

Il wall of shame non era, non è e non sarà il mio obiettivo.

A proposito hai visto il thread aperto?
Ho provato a dargli uno schema di massima. Hai suggerimenti?
Come vi muoverete adesso con queste segnalazioni?

Grazie

1 Like

Ciao @Riccardo_Iaconelli,

volevo un riscontro sulle prime segnalazioni raccolte. Sono state poste correttamente? Avete iniziato a intervenire su alcune di queste?

Grazie

2 Likes

Sono finalmente pronte le nuove linee guida di design che includono il paragrafo sulle licenze, che come spiegavo sarebbero state precondizione a ogni nostra azione: https://design-italia.readthedocs.io/it/latest/doc/content-design/linguaggio.html#proprieta-intellettuale-testi-immagini-dati-le-liberatorie-e-i-tipi-di-licenze

Se avete altri riferimenti a casi problematici continuate pure a segnalarli, così li gestiamo in bulk.

Ciao,
Riccardo

3 Likes

Ottima cosa, grazie. Da usare fra l’altro come riferimento anche in altri ambiti