Applicazione Intraweb

Mi capita di dover utilizzare l’applicazione Intraweb stand alone per alcune comunicazioni doganali. Utilizzo sistema Mac.
Reputo a dir poco scandaloso che l’app in versione 24.0 NON funzioni su nessun sistema Apple, che sia Intel o uno dei nuovi chip ARM! Non si apre l’installer! La versione dell’anno scorso andava correttamente. Ora mi trovo a dover acquistare Parallels per poter adempiere alle comunicazioni.
Qualcuno è riuscito ad aggirare il problema? Oppure si sa di qualche aggiornamento in arrivo? Dal sito l’unico link porta a scaricare l’installer corrotto.
Screenshot 2023-02-15 alle 18.53.59

Buongiorno Sergio. Sei per caso riuscito a risolvere? Io sono andato un passetto avanti modificando i permessi del programma con il comando sudo chmod -R 777, però poi il mac mi dice che l’applicazione è danneggiata. Espandendola invece con suffit Expander sembra non avere problemi di permessi, ma all’apertura poi si chiude da sola.

1 Mi Piace

Buongiorno Cristiano.
Ho risolto nell’unico modo possibile: Parallels e Windows. Abbiamo sentito anche l’assistenza dell’applicazione, circa dieci giorni or sono, e ci siamo sentiti rispondere “nel giro di due o tre giorni dovrebbe essere rilasciato un aggiornamento”. Ovviamente la promessa è stata disattesa. Mi stupisce il fatto che la versione 2022 funzionava correttamente, e mi fa arrabbiare che nessuno si sia preso la briga di verificare che l’applicazione funzionasse!
SIcuramente l’utenza Apple è una minoranza, ma non può certo essere ignorata per mera incapacità di chi sviluppa quell’applicazione. Evidentemente il team di sviluppo non ha la minima idea di come produrre un’applicazione!
Giusto per farti ridere, un collega utilizza l’applicazione su un pc portatile con Windows nativo, quel pc ha lo schermo 4k, e la finestra dell’applicazione ha un lato di circa tre centimetri con scritte leggibili solo con lente di ingrandimento!
Nel mio piccolo sviluppo alcune applicazioni gestionali, e, pur non essendo un genio della programmazione, i miei lavori si avviano regolarmente e sono fruibili! Non bisogna essere dei premi Nobel del codice sorgente per poter fare qualcosa di decente!
Prendiamola così.
In ogni caso grazie per la tua risposta (e perdona il mio “pippone”).

1 Mi Piace

Buongiorno a tutti,
qualcuno è riuscito a fare questa benedetta installazione su MAC? L’assistenza latita. Dicono che sia un blocco della sicurezza & privacy di MAC OSX, ma non son riuscito a venirne fuori: l’installazione non parte proprio, e secondo me non è un problema di sicurezza. Ma possibile che chi ha prodotto il programma non si sia posto il problema di installarlo su un computer vergine e vedere se funziona?

Mario, hanno rilasciato un aggiornamento ridicolo… Stesso identico risultato! Sia su un Mac “datato” con 10.15 Catalina, che su un Mac nuovo con OS13 (Ventura). Obbligano a usare questo strumento che NON FUNZIONA! Un collega ha problemi anche su Windows.
E l’assistenza… continua a latitare! Non sanno fare uno straccio di software decente!

1 Mi Piace

Bravo. E chissà cosa sarà costato al contribuente questa bella produzione software!

1 Mi Piace

Buongiorno, mi sono ritrovato su questo forum poiché, anche con la versione 24.0.0.2 di tre giorni fa, riscontro gli stessi identici problemi segnalati da altri utenti.
L’helpdesk si ostina a negare il problema, mi invita a modificare le impostazioni di sicurezza del Mac (cosa che ho già fatto e in più modi) e ha chiuso il mio ticket dicendo che sono l’unico sul territorio nazionale (sic!) ad avere il problema e quindi il software funziona.
Cosa di cui avrei un florilegio di screenshot e registrazioni video per smentire, ma mi impediscono di inviarle. Hanno come unico scopo quello di chiudere il ticket e lavarsene le mani.
Qualcuno ha avuto evoluzioni? Grazie per farmi sapere.

1 Mi Piace

Beh, negare sempre è la prima cosa. Un dato di fatto è che NON ho trovato nessun utente Mac che sia in grado di aprire l’installer di questo software.
Inoltre avrebbero dovuto spiegarle per quale motivo dovrebbe abbassare le impostazioni di sicurezza del Mac, visto che sono di “sicurezza”! Nemmeno sanno di cosa stanno parlando!
Il tutto è reso ancora più ridicolo dal fatto che la versione dell’anno scorso funzionava! (Evidentemente loro nemmeno sanno il perché andasse).
Purtroppo, ribadisco, l’unica soluzione è la virtualizzazione. Andrebbe fatta una class-action visto che queste comunicazioni NON sono facoltative, e visto che l’unico sistema consentito per inviarle è un’applicazione che non funziona!

1 Mi Piace

Buongiorno, mi unisco al coro degli utenti Mac. In ufficio abbiamo solo Mac, e gli scorsi anni abbiamo sempre utilizzato Intraweb. Quest’anno non c’è verso di farlo funzionare. Anch’io sono stata liquidata con : " Bisogna infatti superare le impostazioni di sicurezza. La nostra assistenza ha lo scopo di fornire ausilio e suggerimenti per l’utilizzo delle funzionalità o per le operazioni di base necessarie per l’avvio del software ma esula da questioni che possono dipendere dalla configurazione della postazione utente. "

1 Mi Piace

Silvia, le rispondo nella speranza che “chi-di-dovere” legga questo post.
Lavoro come consulente in ambito Apple da più di 20 anni e le assicuro che le hanno dato una risposta stupida. Le impostazioni di sicurezza (che, appunto, servono per la sicurezza, quindi non vanno “superate”) intervengono quando l’applicazione è installata. In questo caso specifico è il programma di installazione che NON SI AVVIA!
Inoltre, le impostazioni di sicurezza prevedono che per fare alcune cose una applicazione debba chiedere autorizzazione all’utente, e in questo caso NON AVVIENE! Un esempio: se installo un’applicazione che ha necessità di accedere in autonomia a alcuni documenti sulla scrivania, l’app chiede all’utente “questa applicazione deve accedere ai files sulla scrivania per questo motivo (…) concedi l’autorizzazione o annulli?”.
Nel caso del software Intraweb, nessuna autorizzazione viene richiesta! Semplicemente l’installer si apre e si richiude!
Di solito, chi sviluppa un qualsiasi applicativo per un determinato sistema operativo, dovrebbe verificare che tutto funzioni! Qui hanno fatto un’applicazione senza nemmeno provare che parta l’installer!

Ancora oggi 24 aprile il file scaricato risulta danneggiato.
Io comunque ho risolto in questo modo e con SAFARI funziona:
https://telematico.adm.gov.it/TelematicoFunzioniDiAccessoWEBNG/
seleziona Applicazioni ADA/Altri Servizi/Dichiarazione Online
clicca su applicazione Intraweb online…
compila il modello online e scaricalo sul computer
apri dal computer l’applicazione intraweb 2022 e vai alla sezione per la firma
firmalo
poi invialo regolarmente a
Accesso al servizio
Esito invio: Positivo

Edizione 2024, per scrupolo ho provato a scaricarla per Mac casomai avessero ovviato al problema della scorsa versione. Niente da fare, stessa cialtronata.
Tra l’altro posso intuire la banalità di un software che si limita a raccogliere dati e a formattarli in un file di testo non criptato: far finta di sviluppare nuove versioni è solo una scusa per retribuire uno staff informatico che si limita ad aggiornare il set di date disponibili.
Dato che si parla di soldi pubblici, andrebbero segnalati per danno erariale.

1 Mi Piace

Scandaloso! Ci si dovrebbe rifiutare tutti quanti di usare questo schifo (non è nemmeno possibile chiamarlo software). Il problema (e non soltanto questo) si presenta da due anni. Letteralmente rubano lo stipendio.