menu di navigazione del network

È possibile firmare digitalmente documenti tramite la CIE 3.0?

Volevo sapere se fosse possibile firmare digitalmente documenti tramite la CIE 3.0, e quale software andrebbe usato.

1 Like

Immagino che questo sia un fronte ancora tutto da esplorare! :face_with_monocle:

Forse qualche spunto puoi trovarlo qui:

Andrea

e però @IPZS-CIE scrive

“Al momento non abbiamo da segnalare tool di mercato che consentano di apporre una FEA con la CIE”

C’è qualcosa in via di sviluppo?
Sarebbe molto utile

2 Likes

Sarebbe veramente un peccato non poter utilizzare l’infrastruttura della CIE 3.0 per poter apporre una firma digitale (considerando la stessa CIE come token sostitutivo delle varie smart card o chiavette USB oppure consentendo l’utilizzo della CIE come sistema di autenticazione sicuro per l’accesso ad un tool di firma ditale remota gestita tramite HSM)

Buongiorno,

non è esattamente una procedura user friendly ma chi vuole può usare le nostre istruzioni per firmare digitalmente con la CIE
https://www.blia.it/cie/

Antonio

Salve, ho visto la vostra guida, effettivamente è un procedimento abbastanza da “esperti”.

Nelle prossime settimane saranno disponibili istruzioni per Windows. Intanto se c’è qualche utente Linux può già provare e farci sapere, o qui nel forum, o tramite email.

Grazie, attendo nuove notizie

Ho compilato la versione per Windows, manca la gestione errori ma è comunque funzionante https://sites.google.com/site/antiac/cie.zip

Grazie, aspetto che mi arrivi il lettore nfc per testarlo, i driver sono quelli disponibili sul sito del ministero?

Sì, ma in questo caso non servono, quello che conta, CIEPKI.dll, è compreso nel file zippato.

Dunque è “plug and play”?

Sì, il file zippato contiene un eseguibile che scompatta openssl.exe, libcrypto-3-x64.dll, libssl-3-x64.dll, CIEPKI.dll, pkcs11.dll nella cartella temporanea di Windows ed esegue una GUI minimale con la richiesta del file da firmare e del mezzo PIN.

Interessante, occhio pero’, non e’ una firma digitale. E nemmeno una firma elettronica qualificata. Per la normativa e’ una firma elettronica avanzata. Lo e’ ex lege visto che all’applicazione dell’algoritmo/standard CaDES partendo da certificati contenuti in CNS e CIE è riconosciuto quel valore dalle attuali regole tecniche.
(Una “firma” CaDES si può applicare anche a partire da certificati creati in locale su un qualsiasi PC, del resto)

Sì, ma una FEA è comunque sufficiente per la firma della maggior parte dei documenti (mi riferisco sempre a privati cittadini).

Grazie della precisazione Francesco, ho provveduto ad inserire una nota nella pagina.
Tuttavia sono dell’idea che le norme si possono anche cambiare e uniformare la normativa italiana a quella di altri Stati che non prevede la distinzione tra le 4 tipologie di firma.
Un conto erano e sono le CNS, un altro la CIE, emessa dal Ministero dell’Interno e consegnata dai Comuni tramite riconoscimento personale. Più qualificata di così :wink:

Abbiamo rilasciato un software di firma che supporta la CIE:

Sono contento che un semplice post abbia portato a tutti questi sviluppi. :slight_smile: