menu di navigazione del network

Firma digitale con SPID: come si fa?

Buonasera a tutti,
mi chiamo Luca e scrivo dalla Valle d’Aosta.
Alcuni anni fa ho attivato lo SPID con Poste Italiane e mi è stato molto utile (soprattutto per l’accesso in portali pubblici quali Fascicolo Sanitario Elettronico).

Dato che la mia firma digitale con Aruba è scaduta il 1 febbraio vorrei capire se si possano firmare i documenti digitalmente avendo uno SPID e, in caso affermativo, come si fa (quali programmi / quali modalità).

In caso contrario provvederò a rinnovare la firma con Aruba al costo di 25 € + IVA + 10 € per la spedizione della smartcard (avendo già un token usb).

Ringrazio in anticipo coloro che sapranno aiutarmi.

Saluti
Luca

1 Mi Piace

è ancora presto…mancano alcuni tasselli normativi

1 Mi Piace

Grazie Paolo.

Peccato… Si parla di eoni o di eventi che, verosimilmente, potrebbero verificarsi nel giro di qualche mese?

SPID serve per identificarsi e autenticarsi ai servizi on line, non per firmare.
È stato elaborato un quadro tecnico-normativo per utilizzare SPID come firma in taluni rapporti con la p.a. basati su servizi on line. Ma niente che partirà a breve.

1 Mi Piace

@emmedi questa è materia tua :slight_smile:

1 Mi Piace

Con SPID non puoi firmare.
Da quello che so è previsto che, essendo SPID un sistema di autenticazione “forte”, puoi presentare istanze presso la PA come se avessi firmato tu facendo accesso con SPID al portale dedicato al procedimento.
Il mio consiglio è quello di rinnovarti la firma.

2 Mi Piace

Buongiorno @Alessandro_Carloni,

forse @Luca84 faceva riferimento a questo:

1 Mi Piace

Mi appello al quinto emendamento…

Si alla fine è la stessa cosa, estesa verso anche a chi fornisce servizi con SPID.
E fondamentalmente è chi ti offre il servizio che fa tutto (difatti parlano di marcatura da parte del SP).

Ma quello che presumo chieda il thread starter “firmare documenti digitalmente” (ipotizzo “applicare firma digitale su documenti)” con SPID non si può fare. Salvo non venga stravolto spid nella motivazine per cui esiste (quindi non più un sistema per autenticare ma anche per fare altro)

1 Mi Piace

Beh @Alessandro_Carloni…se vorranno cambiare l’ambito di SPID non avranno difficoltà a farlo…

1 Mi Piace

Buonasera a tutti e grazie per i vostri contributi!

Angelo_Rossini ha toccato il punto esatto: in effetti avevo letto quell’articolo riferito alla firma con SPID ma non avevo capito le modalità di esecuzione (sottoscrizione elettronica di documenti tramite SPID).

In effetti il mio “problema” attuale è capire se continuare con la firma digitale di Aruba (può essere un altro gestore, non importa) oppure capire se vi sono altre alternative. Uso la firma digitale apposta su documenti privati in formato *.pdf che invio generalmente alla PA (ho chiuso la partita IVA lo scorso anno ma vorrei utilizzare la firma digitale perché semplifica molto l’attività di contatto con la PA).

L’articolo mi aveva attirato. A quanto ho capito sono state pubblicate linee guida per l’utilizzo della firma elettronica con SPID (inchiesta pubblica). Purtroppo sembra un discorso ancora in itinere… voi cosa ne deducete?

Saluti
Luca

Un contributo interessante sul tema del thread

Il titolo è fuorviante, dovrebbe essere:

Firmare documenti elettronici con SPID, ora non si può. Anche l’autocertificazione Covid-19

Speriamo che quando arriveranno i servizi degli IdP l’emergenza Covid-19 sia terminata.

1 Mi Piace

Articolo demagogico. Parlare a sproposito di autocertificazione e come documento e come sua possibile dematerializzazione lasciamolo ai giornaletti e ai talk show starnazzanti della tv…

Tornando alla firma SPID, con tutto il parlare che si fa del destino e della governance di SPID, con il fatto che la firma SPID è facoltativa per l’IdP, che e’ un costro per il SP… secondo me le regole tecniche/linee guida resteranno un esercizio teorico come fossero la tesi di laurea di qualcuno. Poi partira’ la bambola “firmiamo con la CIE”…

PS: nell’emergenza covid19 l’autocertificazione è proprio il minore dei problemi… chiediamoci come i comuni stanno gestendo la ricezione delle domande del bonus alimentare…

Concordo in pierno per la demogagia dell’articolo e degli articoli correlati in materia.
Sarebbe, tuttavia, auspicabile l’estensione della CIE e dello SPID per la firma dei documenti. Penso al mondo delle gare ove, per esempio, molto spesso gli operatori economici non riescono a presentare domande di partecipazione e/o offerte perche’ carenti delle firme. Alle stazioni Appaltanti che hanno necessita’ di aprire i files trasmessi tramite piattaforma scaricando i plichi digitali, verificarne la correttezza della firma, aprirlo poi con Acrobat Reader o altro visualizzatore etc. Se il documento venisse firmato con lo SPID, come gia’ avviene per i concorsi pubblici, si supererebbero una serie di difficolta’ che il dipendente non proprio informatizzato, incontra nelle gare e nell’utilizzo delle piattaforme informatiche. Sarebbe un alibi in meno per la digitalizzazione e l’abbandono del cartaceo.
Resto fiducioso.

Sottoscrivo questo articolo del nostro @Andrea_Tironi1:

1 Mi Piace

Quello del certificato a tempo… potrebbe essere una soluzione, ma come si fa per le istanze da sottoporre a verifica in un secondo momento… come fare ad essere sicuri dell’identita’ del firmatario?

Il certificato di breve durata è una realtà, ne parlava Andrea Caccia a ForumPA2017.

Occorre solo associare alla firma un riferimento temporale.

Come prevede l’ art. 40-bis del CAD:

Formano comunque oggetto di registrazione di protocollo […] le istanze e le dichiarazioni di cui all’articolo 65

La protocollazione dell’istanza associa alla firma un riferimento temporale opponibile ai terzi, come previsto dal DPCM 22.02.2013, art. 41:

  1. Costituiscono inoltre validazione temporale:
    a) il riferimento temporale contenuto nella segnatura di protocollo di cui all’art. 9 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, 31 ottobre 2000
2 Mi Piace

https://www.agid.gov.it/it/piattaforme/firma-elettronica-qualificata#spidfirmadigitale

La firma digitale può essere ottenuta anche utilizzando lo SPID come sistema di riconoscimento. Tra i certificatori che hanno reso disponibile questa possibilità, sono attualmente attivi Infocert e Namirial, quest’ultima fornisce anche la possibilità di effettuare una sola firma (firma usa e getta).

I servizi prevedono l’accesso con credenziali SPID di livello 2, in questo modo il cittadino ha la possibilità di dimostrare con certezza la sua l’identità e ottenere la firma digitale.

1 Mi Piace