menu di navigazione del network

Modifiche alla classifica del Supercashback

Buongiorno,

sto qui a commentare circa quanto implementato con l’ultimo aggiornamento di IO in riferimento alla classifica del Super Cashback.

I fatti: con l’aggiornamento di oggi viene visualizzata la posizione in classifica per tutti gli utenti, ma solo la propria e del 100000-esimo utente. In particolare non la prima posizione.

I fatti dei giorni passati: sono circolate forti polemiche circa le modalità per forzare le regole del supercashback a proprio favore, in maniere legali o al limite della legalità.

  • Modi legali: usare una sola carta per tutta la famiglia, fare 10€ di carburante ogni volta anziché il pieno, frazionare la spesa acquistando meno cose da più punti vendita e più spesso
  • Modi illegali, ma difficili da imputare: ci si accorda col titolare di un POS per fare centinaia di micro-pagamenti ripetuti (costituisce falso ideologico ma ripeto è praticamente impossibile da dimostrare) o frazionamenti fittizi di uno stesso pagamento

Oggi a quanto pare il team IO ha deciso di nascondere quella prima posizione. Galeotta fu la prima posizione. Galeotta fu la top… 10? 100? 1000?

Siamo sicuri che sia questo l’approccio corretto e trasparente? Come tutti i commentatori di stampa, ed anche agli occhi di chi scrive, è emerso chiaramente che le regole del supercashback fossero particolarmente facili da eludere.

Alcune regole possono essere eluse, altre… infrante!

Ma davvero nascondere la/e prima/e posizioni in fretta e furia? Lo so, per cambiare le regole del cashback e introdurre clausole che limitino l’abuso è necessario un atto legislativo. Ma non credo che, scoppiata la bomba mediatica, sia opportuno nascondere la testa sotto la sabbia.

Il motivo è presto detto. Molti di coloro che seguono questa iniziativa, tra cui tanti giornalisti, sono tutto fuorché stupidi. E fuorché smemorati. E vorranno una risposta. Anche non oggi, anche non domani, se ci sono impellenze, ma presto.

E’ plausibile che a luglio qualche soggetto, meglio ancora se istituzionale del mondo dell’informazione, possa chiedere al MEF, in formato di accesso civico, la classifica completa del supercashback piuttosto che i dati anonimi sulle transazioni. E la legge lo consente. Quanto ci mette un data scientist mediamente preparato, lavorando su dati anonimi, a scoprire tutti i trucchi usati per barare al supercashback?

Sì, questa affermazione di cui sopra è una specie di minaccia, seppur nasca come una critica. Perché se da un lato diversi utenti stanno vivendo con eccessiva gamification questa iniziativa e stanno bombardando di messaggi di preoccupazione relativi a transazioni che non passano o piccoli guasti, questa reazione del team IO alle polemiche sulla prima posizione non fanno che aumentare la sfiducia, sfidando l’intelligenza degli utenti. Quindi mi auguro che a luglio qualcuno ottenga e pubblichi i dati, nel rispetto della riservatezza dei nominativi dei soggetti la cui lista di transazioni potrebbe essere quantomeno discutibile

2 Mi Piace

Ciao stai partendo da l’assunzione che la prima posizione in classifica sia stata eliminata in seguito alle polemiche per l’uso improprio, cosa di cui io non sono convinto.

Riporto la storia a cui si fa riferimento (del 13 gennaio), con relativo commento:

Nel bottom sheet della Classifica Super Cashback, bisogna rimuovere l’item relativo al primo in classifica, perché non porta alcun beneficio ai fini della classifica e potrebbe scoraggiare gli altri utenti a gareggiare

Prima di leggere la story avrei detto che si tratterebbe solo di una strana ed insolita coincidenza temporale. E del fatto che uno non creda alle coincidenze.
Ma leggendo la story (datata 13 gennaio, pochi giorni prima che filtrassero le news) i sospetti si fanno più robusti. Cioè non solo la data ma anche la motivazione

perché non porta alcun beneficio ai fini della classifica

In effetti questo è comprensibile, perché a me basta essere 100millesimo per prendere i 1500€, quindi non è informazione rilevante cosa faccia il primo.

e potrebbe scoraggiare gli altri utenti a gareggiare

La mia interpretazione è che l’utente si scoraggi vedendo le cifre da capogiro del primo.
Ripeto, i dati sulla prima posizione alla stampa sarebbero potuti filtrare anche altrove. E le polemiche ci sarebbero state. Ma se vedi che il 18 gennaio viene fatta una story per cambiare un comportamento, legato a stretto filo alle polemiche recentissime, due domande te le fai.

A pensar male si fa peccato…

Al momento questa è solo la mia opinione personale.

1 Mi Piace

Mi pare che ti sei spiegato/a benissimo e mi riesce difficile capire come sia possibile imputarti quanto scritto da @mzzntn.
Poi, per la carità, sono certamente io che non comprendo…

Io spero che ci siano i dovuti controlli il 1° in classifica ha fatto 650 operazioni in 19 giorni…stiamo scherzando vero?

1 Mi Piace

ciao

io vedo il 100.000 in classifica, non vedo il primo

comunque in ogni concorso che richiede delle azioni, i primi X (dipende dal concorso) sono delle persone che hanno trovato un modo veloce di “hackerare” il meccanismo con cui si vince

capita in molti concorsi, i primi X non fanno testo perchè sono fuori distribuzione o verranno “eliminati” nel tempo perchè sfruttano meccanismi che non corrispondono all’uso effettivo di bancomat ma a meccanismi + o - furbi per non dire di ottimizzazione :slight_smile:

Il problema è che non è bello che fai sparire il 1° in classifica, punto, cosa hai la coda di paglia? Voglio essere ottimista, che a qualcuno si sia accesa la lucina e stia verificando chi siano questi personaggi perchè sospetto che il 2° e il 3° non siano molto distanti. A me interessa poco perchè non avrò mai l’accesso ai primi 100.000 quindi facciano come credano, però…

1 Mi Piace

Arrivo da una trasmissione ancora in corso su rai3 specifica sul cashback e super casback.
Non ne parlano assolutamente; per loro (intesi come informazione pubblica ufficiale) il problema non è nemmeno contemplato.
Come dice @Stefano1966, 650 operazioni registrate ed accreditate in 19 giorni sarebbe sufficiente per aprire un fascicolo alla procura della repubblica.
Probabilmente il motivo di fondo ha prevalenza (lotta all’evasione fiscale) su i fatti contingenti.

1 Mi Piace

Cioè il primo in classifica ha fatto 675 transazioni :thinking:

… basterebbe abolire la regola dei 100.000
… oppure altra “purificazione” che ho letto da qualche parte … basterebbe che le transazioni stesso giorno stesso esercente fossero contate una volta sola …
intanto a me ancora mancano all’appello delle transazioni che sono validissime

perchè? a che scopo?

… a parte che comunque, a me, sembra una grave violazione della privacy il fatto che si possa vedere il nome di chiunque … in graduatoria … .
che ne dite ?

Puoi spiegarti meglio, @skgnam, per cortesia? L’affermazione sarebbe gravissima se fosse confermata. Ognuno può vedere solo la propria posizione, non i nomi di tutti.

1 Mi Piace

… per evitare i furbetti …
ovvero per dare pari opportunità a tutti …
non vedo perche’ qualcuno possa essere in condizioni di vantaggio rispetto ad altri …
… la sindrome del barista … a mio avviso e’ contro il pensiero ispiratore il cash back

… si’ scusate … io ovviamente non sono tra quelli che vedono la classifica … ma mi era parso di capire che oltre il 50^ … si potesse “vedere” il nome di chi e’ in graduatoria (a parte il proprio) …
evidentemente ho preso un abbaglio … sviato da qualche immagine in giro …
… c’e’ qualcuno di voi che e’ gia’ oltre i 50 ? che conferma ?

@Cecilia1
Non so se sia il 1° in classifica ma, da quanto afferma @Stefano1966, al 19 c’era chi aveva già 675 transazioni registrate, non solo fatte (altra cosa bizzarra, visto che uno dei leitmotiv su questo forum è proprio da discrepanza tra gli acquisti e le relative registrazioni nel cashback. Io non vedo nemmeno la classifica. Mi dice “dati in elaborazione”
Come sia possibile questo è veramente un mistero come il silenzio assordante che, da fonti ufficiali, impera su queso fatto. Una media di 35,52 transazioni al giorno, sabati e domeniche e Befana compresi, e tutte già registrate. Come detto ce ne sarebbe abbastanza per

  1. cosa hanno da dire quelli del cashback
  2. iniziare almeno una indagine informativa della magistratura.
    Se c’è chi ne sa più di me, batta un colpo!
1 Mi Piace

Anche senza le 50 transazioni io posso vedere, tramite l’app IO (solito giochino di parole) la mia posizione in classifica e quante transazioni occorrono per avere la posizione #100.000.

Resta un discorso a parte, che forse è il caso di affrontare in altra sede. So di una legge che prevede che i nominativi dei vincitori di qualsiasi concorso a premi debbano essere pubblicati, per trasparenza. Addirittura mi sembra (non ho le fonti) che ci sia stato negli anni un contenzioso col Garante Privacy perché i Comuni devono pubblicare le graduatorie complete delle edilizie popolari, rivelando lo stato di disagio economico degli aventi diritto.
Ma questo lo vorrei trattare altrove.

ma dove vedete il primo e i nomi?

nell’app io o da altra parte?

Si vede che l’app in mio possesso è il modello base (se fosse una vettura, sarebbe quella senza frecce e clacson a cui dovresti provvedere tu distendendo il braccio come in bici e gridando “Drinn Drin…”) perché ancora in questo momento mi appare la scritta “la tua posizione CLESSIDRAin elaborazione”. Se ci clicco sopra mi appare:
"Quando vedrai la classifica Super cashback?=
ecc ecc ecc

Provi a verificare se ha l’ultima versione dell’APP.