menu di navigazione del network

Pos@PA - Prime esperienze

Se vi interessa vi giro questo link:

Andrea

3 Likes

Puoi spiegare questo passaggio?

Una volta profilato il servizio CIE, è bastato inserire nel POS la CNS della signora per avere i suoi dati anagrafici

Perché parll di CNS? E’ una CIE!

La profilazione della CIE è sulla piattaforma IPSZ, mentre la CNS serve all’identificazione della persona per poi pagare con il pos (in modo da creare una posizioe anagrafica in pagopa).

1 Like

In questo modo si dovrebbe concludere che la CIE è anche una CNS ?

Sono due cose separate: il cittadino doveva pagare i 22 euro per emettere la CIE con pagopa. Ha quindi usato la CNS per l’anagrafica, ma è un caso. Poteva anche pagare i diritti di segreteria sempre usando la CNS per identificazione. La CIE è stata emessa dopo 7 giorni. La CNS non è una CIE :slight_smile:

ok però in alcuni casi si permette di autenticarsi in siti della PA attraverso la CIE al posto della CNS

Ciò avviene perché la CIE è appunto un documento di identità (digitale). Quindi è corretto che consenta di autenticarsi.
Sia la CIE che la CNS consentono l’autenticazione digitale, ma delle due solo la CIE ha valore di documento di identità.

1 Like

quindi a regime la CNS verrĂ  abbandonata?
(altrimenti sarebbe una duplicazione)

mah , è un più complessa la vicenda

la CNS non è solo una CNS, è anche una TS (Tessera Sanitaria) emessa in confromità ad una Direttiva UE per dotare i cittadini di una TEAM (Tessera Europea Assicurazione Malattia) , nonchè ha sostituito il vecchio tesserino del Codice Fiscale

ci fu un tentativo di unificare , il fatidico DU (Documento Unificato)

ma è una storia lunga , difficile da riassumere in poche parole

ciao
Dnaiele

1 Like

Non so dirtelo di preciso, ma mi pare che su SPID fosse previsto prima o poi l’abbandono del supporto delle CNS. Sarebbe un indicatore importante. Comunque sì, di fatto è un duplicato e regime in teoria se ne potrebbe fare a meno, ma la CNS, proprio in virtù del fatto che non è gestita esclusivamente dal Ministero dell’Interno può essere erogata anche da altri soggetti come Regioni, Camere di commercio eccetera e potrebbe fare ancora comodo per diversi motivi. Ad esempio come Tessera Sanitaria, oppure per inserirvi ulteriori certificati digitali attestanti il possesso di alcune caratteristiche (es: sei un commercialista, sei un ingegnere, i cosiddetti “certificati di ruolo”). Non penso che ciò sia possibile con la CIE, dato che la gestione è in capo solo al Ministero.

la mia CNS è inserita nella smartcard della firma digitale…anche perchè la TS-CNS della mia Regione non ha mai funzionato come CNS (regione Abruzzo)

Buongiorno a tutti, sto seguendo da oggi questo argomento ma non mi è chiara una cosa, la nostra amministrazione ha da anni il POS ma per poter procedere al pagamento PA è necessario dotarsi di un terminale particolare oppure bisogna adeguare quello esistente alle specifiche pagoPA?

La tua banca dovrebbe adattare quello che hai alla veicolazione dello IUV come da specifiche sulle transazioni da POS emesse da AGID

Ok. Grazie per la risposta, quindi, se ho ben capito, devo chiedere alla banca di adeguare o far sostituire il terminale POS per permettere la lettura dello IUV per poi veicolarlo nel circuito pagoPA.

Si, c’è il pos-normale e il pos@pa, sono due dispositivi visivamente simili ma con software diverso. Il pos@pa permette la veicolazione dell’iuv. Quindi devi farti cambiare il pos-normale con un pos-@pa. Il pos-@pa può fare sia pagamenti normali che pagamenti pagopa, oppure lo puoi far bloccare in modo che faccia SOLO pagamenti pagopa, cosa che consiglio.

Andrea

2 Likes

Ho chiamato la mia banca e mi hanno detto che loro non forniscono quel tipo di POS, la domanda è dobbiamo contattare altre banche fino a quando ne troviamo una che fornisce questo tipo di POS oppure possiamo acquistare o affittare autonomamente il POS da altre società e poi collegarlo al nostro conto corrente? grazie

Noi abbiamo trovato la soluzione andando direttamente da Nexi, laddove la banca non è in grado di fare una fornitura.

Non so se è fattibile sempre e che cosa comporta, se vuoi posso darti un contatto.
Ti mando un messaggio privato.

Andrea

1 Like

A me pero’ sfugge come un sistema del genere possa essere pagoPA-compliant, se il punto principale di pagoPA è lasciare libertà al debitore di scegliere il PSP che preferisce.
Anche con pagamenti cosiddetti “modello 1”, scegliendo di pagare con carta di credito tramite lo WISP di AgID c’è una scelta automatica del PSP più conveniente in base alla carta di credito/debito indicata da chi effettua il pagamento.
C’è documentazione più specifica sullo schema concettuale di questi pos@PA? Poter ricondurre a modalità conformi a pagoPA questo tipo di pagamenti sarebbe veramente utile.

Sinceramente non so risponderti, ma a breve vedrò Nexi per parlare anche di questo, poi posso aggiornare.

Andrea